Home Napoli News Ufficiale – Il Napoli giocherà allo Stadio Diego Armando Maradona

Ufficiale – Il Napoli giocherà allo Stadio Diego Armando Maradona

CONDIVIDI

Il Comune di Napoli ha deliberato: il San Paolo cambia nome in Stadio Diego Armando Maradona.

napoli pescara petagna
Stadio Diego Armando Maradona (GettyImages)

Napoli-Roma è stata l’ultima manifestazione sportiva giocata allo stadio San Paolo. Da questo momento in poi, l’impianto cambia nome in Diego Armando Maradona. La decisione è stata presa quest’oggi a Palazzo San Giacomo, con una delibera approvata da tutta la Giunta Comunale. Il primo match che gli azzurri disputeranno sotto questo nome sarà contro la Real Sociedad, partita valida per la qualificazione ai sedicesimi di Europa League.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> AZ-Napoli 1-1: Mertens non basta, qualificazione rimandata

Napoli, l’omaggio a Maradona: stadio intitolato a nome suo

stadio maradona napoli
Uno striscione di Maradona (GettyImages)

Nel comunicato stampa del Comune di Napoli, si legge il motivo di questa scelta del cambio nome: “Maradona ha incarnato il simbolo di riscatto di una squadra che ha dimostrato che è possibile rialzarsi, vincere e trionfare. L’intera città si è identificata in lui. Nessuno mai è riuscito ad immedesimarsi in modo così completo nel corpo e nell’anima di Napoli”.

Dunque, è finita l’era dello stadio San Paolo. Sotto questo nome, gli azzurri hanno vinto scudetti, coppe, promozioni storiche. Ma l’omaggio era doveroso nei confronti del ’10’ più forte che Napoli abbia mai visto. Questo farà in modo che il suo nome duri per l’eternità. Se fino a questo punto Maradona era legato prettamente ad una società calcistica, da oggi sarà, ancora di più, parte della città. Sarà il tempio del calcio del capoluogo campano e della squadra azzurra; sarà sede di manifestazioni sportive come accaduto per le Universiadi; sarà luogo di concerti o show. Tutto questo perché Diego ha scritto la storia del Napoli e di Napoli.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Rinnovo Gattuso: c’è l’accordo fino al 2023. I dettagli del nuovo contratto