Home Napoli News Napoli, altro che Blue Monday: 6 motivi per essere felici

Napoli, altro che Blue Monday: 6 motivi per essere felici

CONDIVIDI

Altro che Blue Monday, il Napoli sorride e punta la Supercoppa: gli azzurri hanno sei motivi per essere felici.

insigne napoli
Lorenzo Insigne esulta al gol contro la Fiorentina (GettyImages)

Il pranzo è servito, come si suol dire. Gli azzurri hanno mangiato assieme dopo la vittoria contro l’Empoli, saltando l’allenamento. Una “gita” ad Ercolano per fare gruppo, per tornare a sorridere e staccare un po’ la spina dopo un momento non positivo a livello di prestazioni. E ieri, proprio ad ora di pranzo, la Fiorentina è stata spazzata via da un Napoli affamato. La squadra di Gattuso ha vinto e convinto al Diego Armando Maradona e non accadeva da un po’ tra le mura amiche.

Quest’oggi, il risveglio degli azzurri è stato decisamente sorridente. In un giorno particolare e riconosciuto come il Blue Monday (invenzione di marketing che indica il terzo lunedì del mese di gennaio come quello più triste dell’anno), Gattuso e i suoi ragazzi gongolano e cominciano la settimana della Supercoppa di ottimo umore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> GOL D’AUTORE – Insigne show, Lozano esegue: l’assist è un’opera d’arte

Napoli, 6 motivi per essere felici

napoli blue monday
Il Napoli batte la Fiorentina (GettyImages)

Dopo il 6-0 rifilato alla Viola, gli azzurri sorridono a 36 denti e 34 punti. Con una prestazione così, il Blue Monday non può che fare il solletico al Napoli. Sono sei i motivi per i quali i ragazzi di Ringhio possono essere felici, così come le sei reti segnate alla Fiorentina.

Il Napoli torna al terzo posto e approfitta delle sconfitte di Roma e Juventus scavalcandole entrambe. Al momento, i partenopei hanno il miglior attacco e la miglior difesa del campionato.

Insigne supera definitivamente Altafini e raggiunge le 99 reti con la maglia azzurra. Ne basta una per centrare le tre cifre, e il prossimo match è con la Juventus. L’occasione è più che ghiotta.

Finalmente è tornato Dries Mertens. Il belga rivede il campo dopo l’infortunio alla caviglia e la sua assenza si è sentita moltissimo nel periodo buio a cavallo tra la fine del 2020 e il 2021.

Sono tornati anche i centrali titolari della difesa a 4 di Gattuso. La coppia Manolas e Koulibaly non si rivedeva in campo da Inter-Napoli, ed è una gran bella notizia in vista della Supercoppa e dei prossimi impegni in campionato. Ora il reparto difensivo è più al sicuro.

Debutta Antonio Cioffi. Appena 18enne, l’attaccante del vivaio è stato convocato sempre dall’inizio del 2021, visti gli infortuni di Osimhen e Mertens. Ieri è entrato al posto di Insigne a 10 minuti dalla fine, una sostituzione che apre la sua carriera al professionismo. Che sia l’inizio di un futuro pieno di gol.

E’ tornato l’approccio giusto. La squadra ha mostrato compattezza, unione e si è rivista la mentalità richiesta più volte da Gattuso. Una prova di carattere che serve per risollevare il morale del gruppo, il quale rivede un po’ di luce dopo qualche passo falso di troppo.