Home Napoli News Napoli-Atalanta 0-0: Poche emozioni, qualificazione in bilico

Napoli-Atalanta 0-0: Poche emozioni, qualificazione in bilico

CONDIVIDI

Pareggio per 0-0 tra Napoli e Atalanta nell’andata delle semifinali di Coppa Italia. La qualificazione si deciderà a Bergamo.

L’andata delle semifinali di Coppa Italia tra Napoli e Atalanta termina 0-0 al termine di una partita molto tattica e decisamente poco spettacolare. Gli ospiti giocano meglio soprattutto nel primo tempo ma hanno la colpa di non riuscire a concretizzare la supremazia territoriale. La qualificazione quindi si deciderà al ritorno, in programma mercoledì 10 febbraio a Bergamo.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> L’abbraccio della squadra: i giocatori con Gattuso

Napoli-Atalanta: zero emozioni al ‘Maradona’

Gattuso stupisce tutti schierando una difesa a tre quasi inedita con Maksimovic, Manolas e Koulibaly tutti insieme in campo. In attacco Lozano fa il falso nueve, completano il tridente Politano e Insigne. Zielinski in panchina così come Petagna e Osimhen, entrambi non al meglio. Nell’Atalanta fuori lo squalificato Palomino e l’infortunato Hateboer, ma Gasperini recupera Romero e lancia Muriel in coppia con l’ex Zapata. I primi minuti sono molto equilibrati, poi però gli ospiti prendono campo e sfiorano il vantaggio almeno un paio di volte con Pessina e Toloi mentre il Napoli fatica a uscire dalla propria metà campo. Nella ripresa la partita, se possibile, si spegne ulteriormente. L’unica emozione è un’uscita di Ospina su Muriel, poi la girandola di cambi con gli ingressi di Ilicic e Osimhen.

Lorenzo Insigne
Altra serata no per Insigne (Getty Images)

Le pagelle: Ospina è un muro, Lozano non incide

OSPINA 7: Il vero regista del Napoli è il portiere colombiano. Stasera usa benissimo anche le mani. Decisivo.

MANOLAS 6: Schierato sul centrodestra della difesa a tre il greco fatica nel primo tempo su Zapata ma cresce alla distanza.

MAKSIMOVIC 6,5: Gattuso lo reinventa regista difensivo e se la cava piuttosto bene.

KOULIBALY 6,5: Fa valere fisico e intelligenza tattica. Sbroglia più di una situazione nell’area azzurra.

DI LORENZO 5,5: Non demerita ma sembra la controfigura del giocatore che aveva conquistato tutti un anno fa.

DEMME 5,5: Ha il compito di impostare l’azione ma di fatto non ci riesce quasi mai. Esce per una violenta pallonata in viso.

BAKAYOKO 5,5: All’inizio tiene bene su Zapata ma col passare dei minuti cala vistosamente. Distratto su un paio di inserimenti in area.

HYSAJ 5: Non sfrutta al meglio l’assenza di Hateboer. L’albanese, schierato sulla sinistra, non spinge mai. Timido. Troppo timido.

POLITANO 5: La generosità, come sempre, non manca. Tutto il resto stasera sì.

LOZANO 5: Gioca in un ruolo che non è il suo e si vede. Nella ripresa, con l’ingresso di Petagna, torna sulla destra ma stavolta non si accende mai.

INSIGNE 5,5: Il capitano parte bene, ci prova un paio di volte, poi si spegne insieme al resto della squadra. Il meno peggio del tridente, ma non basta.

ELMAS 6: Sostituisce Demme a centrocampo. Mezz’ora di quantità.

PETAGNA 5,5: Entra al posto di Politano e prova a metterci il fisico. Senza troppa fortuna.

ZIELINSKI 5,5: Gattuso lo butta dentro al posto di Insigne per gli ultimi venti minuti ma il polacco non incide.