Home Napoli News Koulibaly positivo al Covid: come cambia la difesa del Napoli

Koulibaly positivo al Covid: come cambia la difesa del Napoli

CONDIVIDI

Kalidou Koulibaly è positivo al Covid e Gattuso dovrà rivedere i suoi piani in difesa: ecco a chi toccherà alternarsi al posto del senegalese.

koulibaly difesa napoli
Koulibaly abbracciato dai compagni (GettyImages)

Per un giocatore guarito dalla positività, il Napoli ne conta due nuovi nello stesso reparto. Dopo Ghoulam positivo al Covid, anche Koulibaly si aggiunge alla lista degli infetti. Entrambi i giocatori sono asintomatici e rispetteranno il periodo di isolamento a casa propria. Infatti, non sono in viaggio per Genova, dove gli azzurri giocheranno contro i rossoblu domani sera.

Gattuso dovrà ridisegnare la linea difensiva, sopratutto a causa dell’assenza del suo leader. Kalidou era rientrato appena un mese fa da un infortunio e stava ritrovando la perfetta condizione fisica e mentale. Purtroppo, il centrale senegalese salterà con ogni probabilità quattro – se non cinque – dei prossimi impegni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>Genoa-Napoli, le probabili formazioni: Ruiz dalla panchina, torna Petagna dal 1′

Napoli contro Atalanta e Juventus senza Koulibaly: tocca a Maksimovic e Rrhamani

koulibaly covid
Kalidou Koulibaly positivo al Covid (GettyImages)

Il Napoli giocherà 5 partite in 15 giorni. Si comincia domani contro il Genoa, poi ci sarà la trasferta a Bergamo per il ritorno di Coppa Italia, la sfida contro la Juventus, l’andata dei sedicesimi di Europa League e, infine, la gara di campionato contro l’Atalanta. Chi contrae il Coronavirus difficilmente riesce a guarire in meno di 2 settimane. Dunque, Koulibaly resterà quasi sicuramente indisponibile per tutti questi impegni fondamentali. Gattuso dovrà chiedere gli straordinari a Manolas, Maksimovic e Rrahmani. I tre centrali dovranno sopperire la pesantissima assenza del leader senegalese.

Il serbo e il kosovaro si giocheranno quasi sicuramente il posto di Kalidou. Servirà un’importante alternanza e servirà gestire bene le energie. Un’occasione importante per entrambi per rifarsi da prestazioni poco convincenti. Maksimovic non sta dando molte sicurezze ed è anche in scadenza contrattuale. Rrahmani, invece, ha accumulato 4 presenze e tante incertezze, emerse tutte nell’infernale primo tempo a Udine. E’ nei momenti difficili che si vede di che pasta si è fatti. E questa sembra essere la circostanza ideale per guadagnarsi degli importanti meriti, sostituendo uno dei difensori più forti del campionato di Serie A.