Home Rubriche Cioffi e i suoi “amici”: Gattuso pesca dalla (non) scugnizzeria del Napoli

Cioffi e i suoi “amici”: Gattuso pesca dalla (non) scugnizzeria del Napoli

CONDIVIDI

L’emergenza “costringe” mister Gattuso ad aggregare alla prima squadra diversi Primavera, da D’Agostino a Cioffi: scopriamo chi sono

Cioffi Primavera Napoli
Cioffi esulta con Politano e Mertens (Getty Images)

Dall’infermeria alla scugnizzeria. L’emergenza aguzza l’ingegno e in questo caso ha praticamente costretto Gennaro Gattuso a pescare dai giovani per completare la rosa. E così la mente torna subito a 10 anni fa, quando il presidente De Laurentiis coniò il termine scugnizzeria per quella che, nei progetti, sarebbe stata la sua cantera in stile Barcellona. Progetto mai realmente decollato, va detto, visto che 10 anni dopo il Napoli Primavera naviga tristemente nel campionato B con risultati tutt’altro che incoraggianti. Ma questa situazione potrebbe dare un’occasione a ragazzi anche giovanissimi che iniziano a farsi largo nel calcio dei grandi e vogliono giocarsi la loro chance.

Costanzo, Cioffi e gli altri: i ragazzi della (non) Scugnizzeria

Scugnizzeria Napoli Primavera prima squadra
I ragazzi del Napoli

E scopriamoli, gli “scugnizzi” che faranno parte della spedizione del Napoli di Gattuso. Come Antonio Cioffi, 18enne di San Felice a Cancello erede di Insigne, anche per ruolo, che ha già fatto il suo esordio in A. O del frattese Davide Costanzo, anche lui classe 2002, che dal capitano condivide la città di origine e con lui ha già avuto un’investitura social. Out Ospina, con Meret acciaccato, scalda i guantoni Nikita Contini, che di anni ne ha 24 ma negli scorsi anni ha fatto una lunga gavetta, si è guadagnato i guantoni del titolare anche in Serie B con l’Entella e ora potrebbe finalmente avere l’opportunità di dire la sua anche con addosso la maglia del Napoli.

Idasiak e D’Agostino, i volti nuovi

Sarà aggregato anche il portiere polacco Hubert Idasiak, classe 2002, che difende i pali degli azzurrini di Cascione. Più navigato – si fa per dire – Karim Zedadka, del 2000, che prova a raccogliere l’eredità di Ghoulam sulla sinistra. E ora, col ko di Lozano e Petagna, ci sarà spazio anche per un altro giovanissimo talento napoletano: Giuseppe D’Agostino, nato a maggio del 2003, jolly offensivo non ancora maggiorenne che con la Primavera ha già segnato 3 reti.