Home Calciomercato Napoli Younes, rimpianto Napoli: arriva la convocazione in Nazionale

Younes, rimpianto Napoli: arriva la convocazione in Nazionale

CONDIVIDI

Younes è già un rimpianto per il Napoli: mai considerato da Gattuso, l’esterno brilla in patria e viene convocato dalla Germania.

Nella stagione in cui il Napoli è stato a lungo alle prese con l’emergenza soprattutto in attacco, il rimpianto porta dritti in Germania dove finalmente brilla la stella di un giocatore che a queste latitudini non ha mai trovato spazio ma che in Bundesliga è tornato a brillare tanto da conquistarsi la convocazione della Germania.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>  Younes svela il suo sogno

Younes, che rimpianto: al Napoli non si è mai visto

Nell’elenco diramato dal CT Loew infatti insieme ai vari Sané e Werner figura pure Amin Younes, classe 1993 che era arrivato al Napoli a costo zero dall’Ajax nel 2018 e sembrava destinato a una brillante carriera. La storia invece è andata molto diversamente, tra qualche problema fisico di troppo e la scarsa fiducia degli allenatori che si sono succeduti in questi anni sulla panchina azzurra. Lo stesso Gattuso in estate non si è certo opposto alla cessione di Younes, che così ha deciso di tornare in patria per vestire la maglia dell’Eintracht Francoforte dove è tornato il folletto imprendibile dei tempi dell’Ajax.

Bocciato da Sarri, voluto da Ancelotti, ignorato da Gattuso

Venti presenze, tre goal, due assist e finalmente la convocazione della Nazionale che sa di incoronazione per un giocatore che a questo Napoli oggi come oggi sarebbe tornato utile, eccome. Younes infatti sarebbe il perfetto alter ego di Insigne, ruolo che nella rosa di Gattuso resta ancora scoperto. Ipotizzare un suo ritorno però sembra difficile, dato che l’ex Ajax si è trasferito all’Eintracht in prestito biennale con diritto di riscatto. Bocciato ai tempi di Sarri, a volere fortemente Younes era stato Ancelotti ma l’arrivo di Gattuso ha cambiato tutto. Il nuovo tecnico di fatto non ha mai creduto nel talento tedesco, al quale durante la sua gestione aveva concesso appena 32′ in otto mesi. Davvero troppo poco per chi oggi si ritrova in Nazionale insieme ai campioni del Bayern Monaco, sconfitto peraltro qualche settimana fa dall’Eintracht proprio grazie a una prodezza di Younes. Chiamatelo rimpianto.