Roma-Napoli, i precedenti: tendenza da invertire all’Olimpico

0
96

Il Napoli vola all’Olimpico per sfidare la Roma nel posticipo del 28esimo turno: campo tradizionalmente complicato per gli azzurri.

Napoli Roma Manolas Dzeko
Napoli-Roma, match dell’andata (Getty Images)

Chiamatelo ‘Derby del Sole’ o, più semplicemente, scontro diretto decisivo per l’accesso alla prossima Champions League: il Napoli ha la grande occasione di staccare la Roma volando a +3 in caso di vittoria e, con una gara ancora da recuperare, il messaggio lanciato alla concorrenza in ottica quarto posto sarebbe forte e chiaro. L’imperativo è dare un seguito all’ottimo momento di forma che ha portato in dote dieci punti nelle ultime quattro uscite di campionato: tutto materiale utile per far sì che possa replicarsi la straordinaria prestazione dell’andata, quando la resistenza giallorossa venne annientata con quattro reti e un calcio champagne che poche altre volte si è visto nel corso della stagione.

Questo sarà il 74esimo confronto nella storia della Serie A tra Roma e Napoli all’Olimpico e il bilancio sorride nettamente ai capitolini: 33 successi della ‘Lupa’, 28 pareggi e solo 12 vittorie del Napoli, l’ultima delle quali è abbastanza recente e risale all’1-4 del 31 marzo 2019; 2-1 in favore della Roma il 2 novembre 2019 (a segno anche Zaniolo che domani non potrà esserci), mentre per trovare l’ultimo segno ‘X’ bisogna scorrere fino al 2-2 del 28 aprile 2012.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli nella tana della Roma: giallorossi ultimo baluardo in Europa

Roma-Napoli può essere la gara di Mertens

Il ballottaggio più serrato in casa Napoli riguarda quello tra Mertens e Osimhen, con il belga in leggero vantaggio per giocare dal primo minuto e provare a stabilire un record: in caso di goal, infatti, eguaglierebbe l’ex romanista Dino da Costa in quanto a marcature nel ‘Derby del Sole’ (8), mentre con una doppietta si isserebbe al primo posto solitario di questa speciale classifica. Sarebbe un’iniezione di fiducia importante per interrompere un digiuno realizzativo che dura da quasi un mese (ultima rete il 28 febbraio contro il Benevento) e lanciare l’operazione che dovrà avere come esito finale il ritorno nella massima competizione europea.