Home Napoli News Sampdoria-Napoli, partita record per gli azzurri: attenzione al guastafeste

Sampdoria-Napoli, partita record per gli azzurri: attenzione al guastafeste

CONDIVIDI

Sampdoria-Napoli sarà un match speciale per gli azzurri: allerta massima su Fabio Quagliarella, la bestia nera degli ultimi 20 anni.

quagliarella napoli sampdoria
Quagliarella in Napoli-Sampdoria (Gettyimages)

Dopo la sconfitta all’Allianz Stadium, il Napoli non deve rimuginare troppo sugli errori commessi e deve riprendere a far punti. Gli azzurri affronteranno domenica la Sampdoria, al Luigi Ferraris alle ore 15:00, in una trasferta delicata e molto importante in vista della corsa alla Champions League.

Sarà una giornata storica per il club partenopeo, che raggiungerà un traguardo importante in campionato. Infatti, nel match contro la Sampdoria il Napoli taglierà il nastro delle 2500 gare in Serie A, incluse le vittorie a tavolino. Una presenza costante da quando la lega è stato ideato il torneo, e solo altri sette club sono riusciti a fare meglio. Ma per festeggiare questo grande risultato, servirà una vittoria convincente e non sarà facile contro i blucerchiati e la loro minaccia principale.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Napoli, la Champions è ancora possibile: il calendario può dare una mano

Napoli, la Sampdoria ha l’arma in più: Quagliarella bestia nera degli azzurri

Sampdoria Napoli
Sampdoria-Napoli, partita 2500 per gli azzurri in Serie A (Gettyimages)

Nelle ultime due uscite la difesa disegnata da Gennaro Gattuso non ha reso al meglio. Contro Crotone e Juventus sono arrivati 5 gol, e alcuni di questi per gravi errori individuali. Contro la Sampdoria, il Napoli dovrà fare molta attenzione a non farsi del male da solo, ma sopratutto dovrà neutralizzare il bomber blucerchiato.

Nel corso degli ultimi vent’anni, gli azzurri hanno dovuto affrontare due bestie nere che per una strana coincidenza hanno origini partenopee. Infatti, Fabio Quagliarella ed Antonio Di Natale sono gli unici due calciatori che in campionato dal 2000 hanno segnato più gol al Napoli: entrambi fermi a 8 marcature. Ovviamente, l’attaccante #27 avrà l’opportunità di incrementare questo score, e rovinare la festa azzurra delle 2500 partite in Serie A.

Il centravanti classe 1983 è in gran forma e l’ha dimostrato a San Siro, siglando una rete meravigliosa dalla distanza. Ora è in gioco il proseguimento della sua carriera, visto la trattativa per la firma del rinnovo. Sarà una minaccia difficile da fermare e la difesa del Napoli dovrà mantenere l’allerta massima. Nel proprio repertorio Quagliarella ha numerosi colpi da campioni, spesso e volentieri mostrati proprio contro gli azzurri: da quel gol al San Paolo del 2009 con la maglia dell’Udinese, al colpo di tacco al Ferraris del 2018.