Home Napoli News Rrahmani-Manolas coppia inedita: due i precedenti con loro in campo

Rrahmani-Manolas coppia inedita: due i precedenti con loro in campo

CONDIVIDI

A La Spezia i centrali difensivi del Napoli saranno Rrahmani e Manolas: solo in altre due occasioni hanno avuto modo di giocare insieme.

Manolas sassuolo napoli RrahmaniLozano
Kostas Manolas (Getty Images)

La giornata di martedì si è rivelata dispensatrice di cattive notizie per il Napoli, alle prese con due forfait nello stesso reparto nel giro di poco tempo: prima lo stop muscolare di Koulibaly, poi la positività al Coronavirus di Maksimovic. Gattuso si è ritrovato senza due centrali difensivi in un colpo solo e, nel prossimo match di campionato in programma a La Spezia, dovrà fare di necessità virtù: scelte obbligate lì dietro con l’inedita coppia composta da Rrahmani e Manolas, impiegata soltanto in due occasioni precedentemente e per pochi minuti.

La prima a Udine, quando i due partirono titolari: l’esperimento non durò molto, appena 16 minuti, il tempo intercorso tra il calcio d’inizio e l’infortunio occorso al greco, sostituito da Maksimovic. Anche il kosovaro lasciò il campo ma all’intervallo, facendo spazio a Mario Rui. Il secondo precedente riporta alla memoria brutti pensieri: Rrahmani e Manolas insieme anche nei minuti conclusivi di Sassuolo-Napoli quando, l’ex Roma, con uno sciagurato intervento causò il rigore trasformato da Caputo a tempo praticamente scaduto per il 3-3 finale.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Pessime notizie per il Napoli: si ferma Koulibaly, c’è un positivo

Manolas in crescita, Rrahmani chiamato a dare certezze

Le ultime gare hanno certificato la crescita di Manolas, tornato su ottimi livelli dopo aver raccolto critiche e giudizi poco lusinghieri sul suo conto: Gattuso si aspetta un’altra prova di forza del greco che, per esperienza accumulata, deve ergersi a leader della difesa orfana di Koulibaly. La stagione di Rrahmani (mai impiegato nel 2020 in maglia azzurra) si stava incanalando verso sentieri piacevoli, interrotti da qualche problema fisico di troppo che lo ha costretto a ricominciare il suo processo di crescita: ora l’occasione per dimenticare questi piccoli incidenti di percorso e dare il proprio contributo alla causa europea del Napoli.