Fiorentina-Napoli, Vlahovic sfida Osimhen: bomber diversi, ma così simili

0
60

I riflettori dell’Artemio Franchi di Firenze saranno puntati tutti su Dusan Vlahovic e Victor Osimhen: i due bomber infiammano Fiorentina-Napoli. Il confronto tra i due numeri nove.

dusan vlahovic
Vlahovic-Osimhen, i numeri (GettyImages)

La partita all’Artemio Franchi di Firenze tra Fiorentina e Napoli mette di fronte i due bomber del momento: Dusan Vlahovic e Victor Osimhen. I due attaccanti non hanno molto in comune, ma per la stessa ed identica ragione stanno rubando la scena della Serie A. Entrambi hanno il “nove” sulla maglia delle rispettive squadre ed entrambi stanno dimostrando di avere fiuto del gol.

Hanno cominciato male la stagione, per poi cominciare a rubare l’attenzione mediatica e finire su tutte le pagine dei giornali. Il serbo ha siglato solo 4 gol da inizio campionato a Natale; il bomber nigeriano, invece, si è infortunato a novembre e ha contratto il Covid al rientro dal viaggio in Africa di fine dicembre, rallentando la sua fase di recupero e l’adattamento al campionato italiano. Successivamente si sono scatenati e sono diventati l’incubo delle difese avversarie.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Fiorentina-Napoli, le probabili formazioni e i ballottaggi di Gattuso

Fiorentina e Napoli si affidano ai “nove”: i numeri di Vlahovic e Osimhen

osimhen vlahovic
Victor Osimhen sfida Dusan Vlahovic (Gettyimages)

I riflettori saranno puntati solo su loro due che hanno trascinato le squadre a suon di gol. Nell’ultimo mese, Dusan Vlahovic ha segnato 9 reti per la Fiorentina, mentre Victor Osimhen ne ha messo segno 7 per il Napoli nello stesso lasso di tempo.

Mentre l’attaccante viola fa della potenza e della freddezza i propri marchi di fabbrica, il centravanti azzurro vola leggero palla al piede e sfreccia in contropiede lasciando alle spalle i suoi inseguitori. Il nigeriano è imprendibile in velocità e sono guai per chi gli lascia campo aperto: Iachini e i suoi ragazzi sono avvisati.

Non sono affatto simili per gioco e caratteristiche fisiche, eppure hanno lo stesso DNA: marcatori implacabili, dal futuro roseo e pieno di successi. Sono i due under 23 più prolifici d’Italia e qualcosa vorrà dire. Il nove della Fiorentina è arrivato a quota 21 reti in campionato, che lo proiettano direttamente ad una big di Serie A oppure estera. Difficile che possa restare a Firenze un altro anno, senza garanzie.

D’altra parte, e per fortuna del Napoli, Osimhen è appena arrivato e deve dimostrare ancora tutto il potenziale. Inoltre, davanti ai sostenitori non ha ancora avuto modo di brillare: i tifosi non vedono l’ora di gridare forte il suo nome al Diego Armando Maradona.