Il saluto di Osimhen a Gattuso: “Ti auguro il meglio Boss!”

0
15

Gattuso non è più l’allenatore del Napoli, Victor Osimhen lo saluta così: “Sei stato fondamentale per la mia crescita calcistica e umana”.

napoli osimhen gattuso
Gattuso abbracciato da Osimhen (GettyImages)

Le strade di Gennaro Gattuso e del Napoli si sono ufficialmente separate al culmine di una stagione intrisa di polemiche e veleni, conclusa con la beffa dell’Europa League che ha posto la pietra tombale sull’esperienza campana del tecnico calabrese. Oggi è arrivato il toccante saluto di ‘Ringhio’ alla città e alla squadra e, come prevedibile, l’affetto è stato corrisposto in toto dai suoi giocatori: Victor Osimhen, ad esempio, ha affidato il suo pensiero ad un lungo post pubblicato sul suo account ufficiale Instagram, ricordando l’importanza di aver avuto una guida così carismatica che ha contribuito ad una crescita avvenuta sotto diversi aspetti.

Ecco le parole scritte dall’attaccante nigeriano: “Sei stato fondamentale per la mia crescita, sia come allenatore che come uomo. Ho sempre apprezzato tutto quello che hai fatto per me dentro e fuori dal terreno di gioco, ti ho ammirato come calciatore e ho potuto lavorare con te, chiamandoti Boss, qualcosa che non potrò mai dimenticare! Ti terrò sempre in grande considerazione, ti auguro tutto il meglio per la tua nuova avventura Boss!”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Victor Osimhen (@victorosimhen9)

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Addio a Gattuso, dal veleno al paragone con Brad Pitt: le frasi celebri

Osimhen e le difficoltà ad emergere: Gattuso ha sempre creduto in lui

Gattuso, d’altronde, è stato uno dei pochi a rimanere fermo nella convinzione che Osimhen fosse un giocatore di livello assoluto, al netto delle difficoltà iniziali e dei problemi fisici che hanno rallentato il processo di adattamento ad una nuova realtà come quella italiana. Gattuso ha avuto la pazienza di aspettare l’esplosione, sapendo che prima o poi sarebbe arrivata: Osimhen lo ha ripagato con un finale di stagione da urlo, inutile però per il tanto agognato ritorno in Champions. Una base solida su cui costruire il futuro che, chissà, magari potrebbe vederli di nuovo all’opera nella stessa squadra.