Ospina può salutare il Napoli: spunta un’ipotesi italiana

0
17

David Ospina potrebbe lasciare il Napoli durante la sessione estiva del calciomercato: per il colombiano spunta una destinazione italiana.

Ospina Sassuolo Napoli infortunio
David Ospina (Getty Images)

La prossima sessione di calciomercato potrebbe regalare alcuni colpi di scena per quanto riguarda il Napoli, soprattutto in uscita: qualche pezzo forte potrebbe essere sacrificato per far cassa, senza dimenticare altre operazioni caldeggiate dal nuovo tecnico Luciano Spalletti. Tra i pali, in particolare, occhio alla possibile fine del dualismo tra David Ospina e Alex Meret: ‘colpa’ del colombiano e dell’eventualità di una separazione dopo tre stagioni passate a giocarsi il posto da titolare con il collega di scuola Udinese.

La motivazione dell’addio sarebbe puramente economica, dettata dall’elevato ingaggio percepito da Ospina all’ombra del Vesuvio; il suo futuro, però, potrebbe ancora essere in Serie A, precisamente 800 km più a Nord: secondo quanto riferito da ‘la Repubblica’, l’Atalanta sarebbe attratta dall’idea di mettere sotto contratto l’ex portiere dell’Arsenal che a Bergamo si troverebbe a lottare con Gollini per la titolarità tra i pali. Si tratterebbe di un rinforzo d’esperienza e di sicura importanza tecnica per l’abilità nel giocare coi piedi di Ospina, prerogativa in grado di fare la differenza nel calcio moderno con la ormai ‘classica’ costruzione dal basso. Inoltre la scadenza fissata tra un anno permetterebbe alla ‘Dea’ di limitare l’esborso economico e di risparmiare un bel gruzzolo.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Il rinnovo di Osimhen può diventare realtà: si pensa ad una maxi clausola

Napoli, senza Ospina può ‘esplodere’ Meret

Un divorzio tra Ospina e il Napoli sposterebbe inevitabilmente le luci dei riflettori su Meret che, senza l’ingombrante presenza del colombiano, avrebbe tutte le carte in regola per conquistare la definitiva consacrazione nell’ambiente partenopeo. Uno scenario atteso da tempo, ‘frenato’ da un dualismo che spesso ha tarpato le ali al 24enne nei momenti decisivi che avrebbero potuto segnare una svolta positiva per la sua – fin qui ancora giovane – carriera.