Home Napoli News De Laurentiis e quella ‘battuta’: il Napoli ha l’obbligo di ridurre i...

De Laurentiis e quella ‘battuta’: il Napoli ha l’obbligo di ridurre i costi

CONDIVIDI

Intervenuto al Passepartout Festival, De Laurentiis ha lanciato un messaggio in ottica rinnovi e mercato: meno costi per il Napoli.

aurelio de laurentiis nuovo allenatore napoli
Aurelio De Laurentiis Napoli (Gettyimages)

“Sono contento dei miei calciatori all’Europeo, spero non facciano troppo bene altrimenti mi chiedono l’aumento”. Una battuta, quella di Aurelio De Laurentiis, ma neanche poi troppo. Nella lunga intervista al Passepartout Festival il presidente del Napoli ha regalato spunti molto divertenti, alcuni molto interessanti e altri anche parecchio discutibili, ma non si può certo dire che con lui ci si possa mai annoiare. Mille concetti espressi a tutto tondo, dalla politica al cinema passando per la società, e ben pochi riferiti al calcio.

Uno di questi però è stato questa battuta bruciante sui calciatori impegnati all’Europeo, principalmente quelli in odore di rinnovo. Quindi principalmente per Fabiàn Ruiz e soprattutto per Lorenzo Insigne, col quale dovrà sedersi a un tavolo appena terminata la kermesse internazionale. Il capitano azzurro ha il contratto in scadenza il prossimo giugno e finora sul fronte rinnovo tutto tace, sia da una parte che dall’altra. Non ci sono distanze o problemi, semplicemente non è ancora nata la trattativa proprio perché Insigne, giustamente, aspettava di completare la stagione per ragionare sul suo futuro.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> De Laurentiis e la docu-serie sul Napoli: “Saranno tre stagioni, vi spiego”

Più sostenibilità per il Napoli: gli ingaggi ‘nel mirino’ di De Laurentiis

Stessa cosa il Napoli, che proverà a ridurre il monte ingaggi partendo proprio dai più pesanti: quindi Insigne, Mertens e soprattutto Koulibaly, che viaggia intorno ai 6 milioni di euro netti. Un passo indietro per tutti per dare una mano al bilancio del Napoli: De Laurentiis l’ha detto con una battuta, ma il messaggio è arrivato. Forte e chiaro. Sta ai giocatori coglierne ogni sfumatura e fare le rispettive valutazioni in ottica futura.