Diario Europei – Il fattore G e l’impresa del signor Rossi

0
107

Diario Europei – Il fattore G abbatte il Portogallo di Ronaldo e rilancia la Germania, frenata della Francia contro l’Ungheria di Rossi.

La seconda giornata di Euro 2020 ha regalato la qualificazione anticipata agli ottavi di finale a Italia, Belgio e Olanda, ovvero le tre squadre che fin qui hanno forse offerto il miglior calcio. A prendersi le prime pagine sono stati Manuel Locatelli, centrocampista del Sassuolo autore di una doppietta nel trionfo azzurro contro la Svizzera, l’esterno olandese Dumfries e Kevin De Bruyne che subentrando nella ripresa ha letteralmente ribaltato la Danimarca nonostante una condizione fisica non ancora ottimale dopo il serio infortunio in finale di Champions League.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Diario Europei – Partenza Schick

Diario Europei, il fattore G e le lacrime di Marco Rossi

Brusca frenata, invece, per Portogallo e Francia. La Nazionale di Cristiano Ronaldo, ancora a segno e attuale capocannoniere di Euro 2020 insieme a Schick, è stata travolta dalla Germania che ha così riscattato la sconfitta subita al debutto proprio contro i transalpini. Il grande protagonista nelle file tedesche è stato Robin Gosens, esterno dell’Atalanta che ha fornito due assist e segnato un goal nel 4-2 finale contro i lusitani. La Francia invece è stata fermata a sorpresa dall’Ungheria del nostro Marco Rossi, che al termine della partita non è riuscito a contenere l’emozione per la grande impresa appena compiuta.

Marco Rossi
Marco Rossi, Ct dell’Ungheria (Getty Images)

Morata non basta alla Spagna

Delude ancora la Spagna a cui non è bastato il primo gol dello juventino Morata per superare la Polonia di Lewandowski, autore del definitivo pareggio nella ripresa. Mentre la Svezia, battendo la Slovacchia, è balzata al primo posto del Gruppo E. Male infine anche l’Inghilterra che non va oltre lo 0-0 nel derby con gli scozzesi al termine di una partita a dir poco deludente. Il pareggio tra Repubblica Ceca e Croazia permette comunque agli inglesi di restare primi nel girone a pari punti con i cechi e giocarsi tutto all’ultima giornata proprio contro la squadra di Schick.