De Laurentiis apre la stagione delle cessioni: “Rischio fallimento”

0
174

Il presidente De Laurentiis conferma che ci saranno delle cessioni pesanti: “Alcuni ingaggi non sono più sostenibili, rischio fallimento”.

Nessuna smobilitazione e neppure un ridimensionamento, ma la stagione delle spese folli è ufficialmente finita. A confermarlo durante la conferenza stampa tenuta mercoledì pomeriggio è stato il presidente Aurelio De Laurentiis, che ha ribadito come al Napoli non esista più la categoria degli incedibili.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Mario Rui in partenza

De Laurentiis apre alle cessioni: “Il budget va rivisto”

A pesare sui conti, più della mancata qualificazione in Champions League per il secondo anno consecutivo, è l’effetto della pandemia che d’altronde ha colpito tutti i club: “Il problema non è non essere andati in Champions, il problema è che il club è arrivato a un monte ingaggi altissimo che va rivisto. In questo mercato sono tutti molto afflitti da aver perso tanti soldi. Io non ho mai dovuto bussare alla porta di qualcuno, sono sempre stato preciso nei pagamenti. Non c’è un ridimensionamento ma una presa di coscienza: il budget va rivisto, altrimenti facciamo fallire il Napoli. Forse non basterà vendere un giocatore, ma soprattutto bisognerà vendere quei giocatori che nella loro parte salariale non possono essere ora sostenuti dal Napoli. L’errore è farsi prendere dall’entusiasmo, forse due acquisti non avrei dovuto farli, forse alcuni spostamenti non andavano fatti. Avrei dovuto congelare tutto, ma da ottimista quale sono ho investito troppi soldi”.

insigne fiorentina napoli 2018
Lorenzo Insigne non è incedibile (Gettyimages)

Tutti sul mercato: “Nessuno è incedibile”

Al momento però di acquirenti per le stelle del Napoli non se ne vedono: “Rinunciare a proposte indecenti? Magari ci fossero, il punto è che non ci saranno”. La cosa certa è che adesso di incedibili non ce ne sono, Insigne compreso: Nessuno è incedibile con un’offerta appropriata. Con Lorenzo non ci siamo mai visti. C’era il campionato da finire, poi la nazionale, non volevamo complicare la situazione. Quando finiranno gli Europei ci si siede, ci si parla e sarà quel che sarà”. De Laurentiis infine torna sui motivi dell’esonero di Gattuso: