Maksimovic continua a rifiutare offerte: aspetta solo il Napoli

0
86

Colpo di scena in vista per il futuro di Nikola Maksimovic: a pochi giorni dal contratto scaduto, il serbo potrebbe fare ritorno al Napoli.

Maksimovic Napoli
Maksimovic Napoli (Getty Images)

La stagione 2021/2022 del Napoli prenderà il via giovedì pomeriggio con la conferenza stampa di presentazione del nuovo tecnico, Luciano Spalletti: al mister di Certaldo, probabilmente, verranno chieste delucidazioni sull’evoluzione della rosa a sua disposizione, con un occhio rivolto al mercato e alle scelte strategiche in accordo con la dirigenza. Uno dei primi ‘acquisti’ di Spalletti potrebbe essere, in realtà, qualcuno che il centro sportivo di Castel Volturno lo conosce molto bene: quel Nikola Maksimovic il cui contratto è scaduto una settimana fa, lo scorso 30 giugno.

Guai, però, a considerare definitivamente finita l’esperienza campana del difensore serbo, il quale continua a desiderare una nuova chiamata del Napoli: come riportato dal ‘Corriere dello Sport’, l’ex Torino ha rifiutato proposte allettanti provenienti dalla Spagna e dall’Inghilterra pur di dare priorità ad un’eventuale offerta azzurra, per nulla impossibile a giudicare dalle dinamiche del mercato che stanno interessando il Napoli, soprattutto per quanto riguarda il reparto difensivo.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Mertens operato: lo stop potrebbe essere più lungo del previsto

Maksimovic aspetta il Napoli: Koulibaly suo ‘alleato’?

Un ritorno di Maksimovic prenderebbe quota in caso di sacrificio di Kalidou Koulibaly, l’uomo più richiesto di tutta la squadra: De Laurentiis lo valuta tanto, forse anche più dei sessanta milioni paventati per il suo cartellino, cifra che in pochi club possono però permettersi di sborsare senza rimpianto alcuno. Maksimovic potrebbe sperare nel ribaltone anche qualora il senegalese rimanesse al suo posto: d’altronde, infatti, il Napoli deve trovare un sostituto a livello puramente numerico e le difficoltà incontrate sul mercato potrebbero aprire la strada verso un clamoroso ritorno all’ombra del Vesuvio. Proprio l’epilogo auspicato dal centrale di Bajina Bašta.