Spalletti si presenta: “A Napoli calcio e miracoli sono la stessa cosa”

0
114

Presentazione in conferenza stampa di Luciano Spalletti, nuovo allenatore del Napoli: Insigne, Mertens, Maradona e gli scugnizzi. Le prime parole del mister.

d'ambrosio spalletti napoli
Luciano Spalletti (GettyImages)

Luciano Spalletti si presenta in conferenza stampa per la prima volta da allenatore del Napoli. Il tecnico ha spiegato che vedrà la squadra nei prossimi giorni stesso a Castel Volturno, dove i giocatori si riuniranno per test fisici e tamponi, prima di partire per il primo ritiro verso Dimaro.

Spalletti ha dichiarato sin da subito che i calciatori utilizzati agli Europei avranno dei giorni di riposo in più e si aggregheranno al gruppo solo nella seconda parte del ritiro partenopeo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Chi è Ahmedhodzic, l’obiettivo del Napoli in difesa

Spalletti innamorato di Napoli: “Non gli ho levato gli occhi da dosso”

spalletti napoli
Luciano Spalletti (GettyImages)

Parole cariche di entusiasmo da parte dell’allenatore azzurro per la sua nuova avventura e il suo nuovo club. Alle prime domande in sala stampa ha dichiarato: “Questa squadra è forte, sono curioso di entrarci dentro e vedere quanto è consapevole – poi Spalletti delizia i giornalisti con una prima frase ad effetto – Essere forti, se non sai di esserlo, a volte non completa quello che dev’essere il comportamento”.

L’ex tecnico nerazzurro ha confermato di aver avuto un approccio particolare da quando ha ricevuto la conferma di allenare il Napoli: “Non gli ho levato gli occhi da dosso. Questa squadra mi somiglia”. Inoltre, Luciano Spalletti ha dichiarato: “Napoli è una città forte e completa il mio tour dell’anima. Ho allenato la Roma, la città del Papa; poi sono stato a San Pietroburgo, dove c’erano gli Zar; sono stato a Milano, città dell’industria. Ora sono qua – afferma il tecnico – Qui ha giocato Maradona, e sono felice di sedermi sulla panchina dello stadio dove c’è stato anche lui. In questa piazza, Calcio e miracoli sono la stessa cosa. E’ la città di San Gennaro”.

Spalletti: “Voglio una squadra di scugnizzi”

Il nuovo allenatore ha spiegato quello che vorrà vedere durante la stagione: “Voglio una squadra sfacciata e di scugnizzi. Voglio ragazzi che mettano in campo il proprio talento”. Poi ha aggiunto sull’Europa League: “Tengo molto a questa competizione, così come per tutte le altre dalle amichevoli al campionato”. Poi ha suonato la carica: “Non si snobberà nulla qui“.

 

Inoltre, Spalletti ha confermato di aver parlato con Insigne e Mertens: “Vorrei fare questo percorso con il capitano. L’ho sentito dopo uno dei gol con la Nazionale. Ho parlato con Dries prima e dopo l’operazione, mi ha detto che vorrà salutare i compagni nei prossimi giorni”.