Spalletti e la frecciata a Totti: “La serie tv? Potevo dargli due scene…”

0
109

Conferenza stampa di presentazione come nuovo tecnico del Napoli per Luciano Spalletti, che non ha risparmiato frecciate a Francesco Totti.

Spalletti Totti
Spalletti e Totti ai tempi della Roma (Getty Images)

Proprio come ce la aspettavamo: la prima conferenza stampa di Luciano Spalletti da allenatore del Napoli non è stata banale, tutt’altro. Dall’orgoglio per la chiamata di De Laurentiis ai richiami alle vicende passate: ce n’è per tutti i gusti e le salse insomma, nello stile a tratti pungente tipico del toscano. Frasi ad effetto e stoccate, un mix ‘letale’ per chi ascolta: una di queste è stata indirizzata a Francesco Totti, con cui ha condiviso i suoi ultimi mesi di carriera prima del doloroso ritiro del ‘Pupone’, accompagnato alla porta dell’uscita proprio da Spalletti secondo buona parte del sentimento popolare giallorosso.

La figura di Spalletti è stata pesantemente tirata in ballo nella serie tv ‘Speravo de morì prima’, con protagonista l’attore Pietro Castellitto nei panni dell’ex capitano romanista: il personaggio spallettiano interpretato da Gianmarco Tognazzi ha suscitato diverse reazioni nel pubblico e nel diretto interessato, che non ha perso l’occasione di dire la sua a riguardo quest’oggi. Ecco le dichiarazioni rilasciate in conferenza: “Sono felice di avergli offerto la possibilità di fargli fare una fiction, anche se i contenuti per farla sulla sua persona ce li aveva tutti. Mi dispiace che non abbia avuto successo e che sia stata criticata, io un paio di scene per fargli fare il pieno potevo dargliele (ride, ndr). Non è mia intenzione sottrarmi, ma è ora di pensare alle cose importanti come il Napoli: per quelle meno importanti ci sarà tempo”.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Maksimovic continua a rifiutare offerte: aspetta solo il Napoli

Spalletti-Totti, una querelle infinita

L’argomento, d’altronde, è di quelli ‘caldi’ da tempo immemore, fin dalla rottura definitiva tra Spalletti e Totti individuata nel corso della seconda esperienza romanista del tecnico e deflagrata con tanto di lite pesante che all’epoca fece discutere in quel di Trigoria. Da allora non è stato registrato alcun avvicinamento concreto tra i due e, alla luce degli ultimi avvenimenti, possiamo affermare come il lieto fine sia ancora piuttosto lontano dal concretizzarsi.