Anguissa al Napoli: tutte le cifre e il ruolo che gli cucirà Spalletti

0
316

Napoli, ecco André Zambo Anguissa: tutte le cifre del suo approdo in azzurro e il possibile ruolo nelle rotazioni di Spalletti

Anguissa contro il Manchester City
Anguissa (Getty Images)

Acquistato a fari spenti, il Napoli ha trovato finalmente il suo centrocampista. L’arrivo in azzurro di André Anguissa chiude, difatti, il mercato della società partenopea. Almeno quello in entrata (per quello in uscita bisognerà attendere di capire il futuro di Andrea Petagna). Il mediano ex Villareal e Olympique Marsiglia ha svolto ieri le visite mediche con il Napoli e presto si unirà al gruppo di Luciano Spalletti.

Un affare che agli azzurri è costato una cifra relativamente importante: Anguissa è stato prelevato in prestito oneroso dal Fulham a 400mila euro, con diritto di riscatto fissato a 15 milioni di euro. Per l’ingaggio del calciatore, il Napoli verserà il 50% dei 3 milioni netti a stagione, che l’ex OM percepisce con il club di Craven Cottage. L’altro 50%, ovviamente, sarà versato dallo stesso Fulham.

LEGGI ANCHE >>> Anguissa, colpo a sorpresa: chi è il mediano che ha stregato Giuntoli

Anguissa in Premier League
Anguissa (Getty Images)

Quale ruolo per Anguissa, nel Napoli di Luciano Spalletti?

Al netto dei paragoni con Tiemoué Bakayoko, il gioco di André Anguissa differisce sotto molteplici punti di vista. L’esuberanza fisica e la potenza nelle gambe, certamente, sono due caratteristiche che aiutano il camerunense ad interdire la manovra della formazione avversaria e a spaccarne poi le linee, in fase di possesso. Seppur non molto dotato tecnicamente, l’ex OM resta un profilo dinamico e duttile, bravo (se paragonato ai suoi pari-ruolo del nostro campionato) nella conduzione palla al piede nei corridoi centrali del campo.

Spalletti, adesso, starà il compito di ritagliargli il giusto ruolo nelle proprie rotazioni. Come vertice basso in un centrocampo a tre, Anguissa può mostrare qualche problema nella trasmissione del pallone, ma anche fornire una maggiore copertura e fisicità in fase difensiva. Mentre come mezzala, il camerunense può esaltarsi maggiormente come centrocampista box-to-box ed essere deresponsabilizzato, così, dai principali compiti di costruzione. Occhio, però, anche all’ipotesi 4-2-3-1 (modulo caro a Spalletti): con l’arrivo di Anguissa, il Napoli può fare leva su un elemento capace di compensare fisicamente e difensivamente partner di mediana come Lobotka o Fabian Ruiz.