Spalletti “rischia” Idasiak: perché contro il Leicester potrebbe esserci lui

0
330

Nell’incredibile 1-5 contro il Benevento, Spalletti ‘rischia’ anche il giovane Idasiak: può essere il titolare contro il Leicester

Hubert Idasiak
Idasiak con la Coppa Italia (Foto su Instagram)

L’esordio in prima squadra non è stato quello che Hubert Idasiak aveva certamente sognato. Subentrato negli ultimi quindici minuti al collega Marfella (vittima di una prestazione tutt’altro che indimenticabile), il giovane polacco ha subìto le reti dell’1-4 e dell’1-5, seppur esente da qualsiasi colpa.

Un esperimento, comunque, da forzare per Luciano Spalletti, che dovrà prepararsi ad affidare le chiavi della porta azzurra al baby Idasiak, in vista dell’esordio in Europa League contro il Leicester City. Sì, proprio così. Il Napoli rischia di scendere in campo al King Power Stadium senza l’infortunato Meret ed il sudamericano Ospina. Almeno a rigor di regolamento.

Un bella gatta da pelare per il tecnico di Certaldo, che per il debutto stagionale in Europa dovrà fare i conti anche con le scorie fisiche e mentali che lascerà la super-sfida contro la Juventus.

LEGGI ANCHE >>> @NCL – Intervista all’agente di Hubert Idasiak: “Ricorda un top in Europa”

Hubert Idasiak
Hubert Idasiak, portiere della Primavera (Foto da Instagram)

Leicester-Napoli, perché Idasiak ‘rischia’ di essere il titolare

Contro il Leicester City, insomma, Spalletti dovrà prepararsi prima alle norme anti-contagio del governo inglese, che alle incursioni di Vardy e compagni. Secondo le norme vigenti in Regno Unito, le persone provenienti dai paesi inseriti nella ‘Red List’ (come la Colombia) sono soggette ad una quarantena obbligatoria di dieci giorni.

Un bel problema per gli azzurri che, teoricamente, dovranno fare a meno di Ospina per la trasferta di Leicester. E senza neanche l’infortunato Meret, a rigor di lista UEFA, il giovane Hubert Idasiak risulta l’unico portiere convocabile per la sfida di giovedì sera. Al netto di eventuali deroghe UEFA.

Un bel problema per Spalletti, che in egual modo rischia di dover fare a meno anche di Osimhen (impegnato con la sua Nigeria a Capo Verde, paese nella ‘Red List’). Discorso diverso, invece, per Koulibaly Anguissa, che rispettivamente con Senegal e Camerun non hanno giocato in zone considerate a rischio, e quindi disponibili per la gara contro il Leicester.