Il tifo del Maradona può tornare: l’esempio da seguire è in Campania

0
395

I tifosi del Napoli disertano il Maradona per protesta, ma un club in Campania ha la soluzione giusta: qual è l’esempio da seguire.

I tifosi del Napoli ad Udine
I tifosi del Napoli ad Udine (GettyImages)

Il tifo organizzato sta sparendo dallo stadio Maradona di Napoli ed è un problema per la squadra, ma soprattutto per lo spettacolo. Il club azzurro è conosciuto in tutto il mondo per il tifo caldo che spinge la propria formazione alla vittoria. Non è un caso che Spalletti abbia scelto di iniziare questa nuova avventura anche per il pubblico, con la consapevolezza che in questo momento c’è qualche frizione tra i tifosi e la dirigenza.

Infatti, dal ritorno degli spettatori allo stadio, i gruppi organizzati non sono entrati nelle due Curve del Maradona a causa delle multe per il mancato rispetto dei posti e per l’uso di bandiere. Insomma, ciò che qualche anno fa sembrava normale amministrazione in un settore caldo come la Curva A o B. Ma c’è qualche società in Campania che invece richiama a sé i propri sostenitori e fa da esempio al Napoli ed altri club di Serie A.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> De Laurentiis ‘spiega’ i problemi di DAZN: “E’ colpa di Berlusconi”

Napoli prendi esempio: ad Avellino tifosi nella standing zone

I tifosi dell'Avellino
I tifosi dell’Avellino (GettyImages)

Mentre a Napoli i tifosi più caldi disertano il Maradona in segno di protesta contro la dirigenza, l’Avellino chiede il massimo supporto e organizza la standing zone allo stadio Partenio. Si tratta di un concetto di tifo all’inglese, ormai diffuso in diverse zone d’Europa. E’ una porzione di tribuna organizzata per seguire rigorosamente in piedi tutto il match, caratterizzata dagli ultras che spingono la propria squadra e i propri campioni.

Nel match di oggi tra Avellino e Potenza sarà inaugurata la standing zone per i sostenitori biancoverdi. Proprio oggi, invece, il Napoli è chiamato a fare sei vittorie su sei in campionato contro il Cagliari, davanti ad un Maradona senza i suoi tifosi più passionali, quelli che dirigono l’orchestra dei cori e trasformano lo stadio in arena. Senza tifo organizzato il calcio perde una parte essenziale di sé. E l’Avellino l’ha capito prima di tutti. “Vogliamo la curva sud allo stadioè l’appello che si legge dal sito del club biancoverdeNon esiste squadra di calcio senza i sostenitori“.