Insigne in conferenza: la frase che sembra una frecciata ad Ancelotti e Gattuso

0
332

Lorenzo Insigne ha parlato in conferenza stampa alla viglia della sfida contro lo Spartak Mosca: che frecciate dal capitano

Spalletti Insigne conferenza
Lorenzo Insigne e Luciano Spalletti si abbracciano (Getty Images)

Giorno di vigilia in casa Napoli, con gli azzurri che ospiteranno al Maradona lo Spartak Mosca nella seconda giornata dei gironi di Europa League. Un nuovo esame per la formazione allenata da Spalletti che all’esordio nella competizione ha pareggiato 2-2 a Leicester, nella gara più impegnativa del gruppo.

Nella classica conferenza stampa della vigilia imposta dall’Uefa, accanto al tecnico di Certaldo, si è presentato il capitano, Lorenzo Insigne. Anche davanti alla stampa ha mostrato ancora una volta tutta la sua crescita, soprattutto nella leadership.

Un segnale evidente di come sia arrivato alla maturazione piena, spiegando il momento attuale della squadra e svelando anche come il gruppo sia ancora arrabbiato per l’epilogo della scorsa stagione.

Insigne, Koulibaly e Mertens, di fatto il capitano ed i due vice, il nucleo storico della squadra; i tre, come ha ammesso l’attaccante, stanno lavorando anche da un punto di vista psicologico con i compagni, passaggio fondamentale per acquisire consapevolezza e mentalità vincente.

LEGGI ANCHE >>> Rinnovo Insigne, trattative aperte: la conferma arriva dalla conferenza

Insigne, che frecciate a Gattuso ed Ancelotti

Lorenzo Insigne conferenza
Lorenzo Insigne (Getty Images)

Il capitano, però, non ha lesinato frecciate anche al recente passato in panchina a Napoli. “In campo mi diverto, era da tanto – ha ammessoche non mi divertivo. Pure in allenamento mi sto divertendo, vengo con piacere al campo. E questa è una cosa importante” ha affermato il 24.

Una frecciata, anzi, una vera e propria bordata lanciata ai predecessori di Spalletti. Ancelotti soprattutto, ma anche Gattuso nel mirino del capitano. Non è certo un mistero che i rapporti con l’attuale allenatore del Real Madrid fossero davvero ai minimi storici, anche per una questione puramente tattica, con Ancelotti che schierava Insigne esterno di centrocampo.

Decisamente migliore il rapporto con Gattuso, anche perché il calabrese fin da subito ha messo il capitano al centro del suo progetto. Ma, evidentemente, nemmeno l’ex centrocampista era riuscito a fare breccia nel cuore di Insigne, al contrario di Spalletti.