Due gol d’autore che ricordano quelli di Osimhen

0
464

Victor Osimhen è andato in gol anche contro il Legia Varsavia dopo aver segnato contro il Torino: due reti d’autore del nigeriano che ricordano marcature celebri

Victor Osimhen gol d'autore
L’attaccante del Napoli Victor Osimhen (Getty Images)

Provate a prenderlo. E’ un po’ questo il senso del momento attuale di Victor Osimhen. Il nigeriano è forse l’attaccante più decisivo della Serie A, un bomber imprescindibile per qualsiasi squadra. Semplicemente perché sposta gli equilibri ed anche ieri l’ha dimostrato con il suo ingresso in campo nella ripresa contro il Legia Varsavia.

Velocità, sia scatto che progressione, cattiveria agonistica e la grande attitudine di saper giocare con la squadra, con i compagni, per un netto miglioramento messo in mostra nell’ultimo periodo. La cura Spalletti gli sta giovando ed ora il centravanti ex Lille sembra proprio devastante, una forza della natura. Ed anche i compagni riconoscono la sua incisività, come ammesso anche da Demme alla radio ufficiale del club.

Cinque reti in sette gare di campionato, tre in tre gare in Europa League, il tutto senza mai aver usufruito di calci di rigore, tutti su azione.

LEGGI ANCHE >>> Osimhen svela i suoi miti: c’è Drogba e un nome a sorpresa

Osimhen ed i gol che ricordano Ronaldo e Bale

Due i gol consecutivi tra campionato ed Europa League, decisivo quello contro il Torino che ha regalato tre punti pesantissimi. E le ultime due marcature hanno peraltro ricordato due gol d’autore che hanno infiammato ulteriormente i tifosi e confermato le doti atletiche del nigeriano.

Per stendere i granata di Juric, “Osi” ha compiuto un vero gesto atletico; un salto di 2,52 metri, uno stacco davvero impressionante per l’attaccante arrivato ad appena 4 cm dal record di Cristiano Ronaldo, dal gol realizzato il 18 dicembre 2019 contro la Sampdoria (il lusitano si elevò per 2,56 metri).

Velocità e forza fisica, invece, nella rete realizzata ieri contro il Legia Varsavia, valsa il momentaneo 2-0. Scatto palla al piede sulla fascia destra, uno-due con Insigne, ed ancora progressione a tagliare verso il centro con diagonale letale per i polacchi. Ricorda qualcosa? E’ una rete molto simile alla prodezza che realizzò Bale nella finale di Coppa del Re contro il Barcellona nel 2014.

In quell’occasione Bale, ricevuta palla poco prima del centrocampo, scattò sulla corsia mancina tallonato da Busquets che addirittura lo spinse fuori dal campo; il gallese, con una velocità supersonica riuscì ugualmente a portare a termine l’azione fino al gol pazzesco.