Insigne, il rinnovo è lontano: il Napoli ha già individuato il sostituto

0
457

La firma sul rinnovo è sempre più lontana per Insigne, il cui futuro al Napoli è a rischio: c’è un nome in pole per la sostituzione.

Insigne Napoli rinnovo
Lorenzo Insigne, capitano del Napoli (LaPresse)

Un nulla di fatto. La trattativa per il rinnovo di Lorenzo Insigne sembra essersi arenata e anche le recenti dichiarazioni di Aurelio De Laurentiis in qualche modo lo confermano: la posizione del Napoli è chiara, così come quella del capitano che non si smuove dalle esose richieste fatte alla società. Di questo passo è facile pensare che questa sarà l’ultima stagione in azzurro dello ‘scugnizzo’ di Frattamaggiore, ipotesi rafforzata dal corteggiamento serrato dell’Inter, ad oggi la candidata maggiore per accogliere il classe 1991 da svincolato.

Chiaro che debbano essere fatti dei ragionamenti in ottica futura, un ‘pensare in negativo’ per non farsi trovare impreparati all’eventualità del divorzio: Giuntoli un’idea ben precisa ce l’ha e pure da tempo per giunta, e porta dritta a Jeremie Boga. L’esterno offensivo del Sassuolo è un pupillo di vecchia data del direttore sportivo partenopeo: come riportato dal ‘Corriere dello Sport’, per l’ivoriano era stato fatto un tentativo già a luglio 2020, quando il Sassuolo decise di non cedere alle avances per un giocatore reduce da un’ottima stagione e in piena rampa di lancio verso un avvenire scoppiettante.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli, è lotta contro il tempo: Spalletti ha la soluzione al problema

Insigne e il rinnovo che non arriva: Boga prima scelta

Boga Insigne rinnovo
Jeremie Boga, primo obiettivo del Napoli per il dopo Insigne (LaPresse)

E’ comunque giusto precisare come la priorità, in casa Napoli, sia il rinnovo di Insigne e che verranno fatti altri tentativi in tal senso: soltanto quando non ci saranno più margini per giungere ad un accordo si virerà definitivamente su un altro profilo, corrispondente a quello di Boga appunto. Uno scenario che non è errato definire estremo, soprattutto se il giocatore da sostituire è un uomo nato e cresciuto con l’azzurro tatuato sul cuore.