Mertens titolare e nuovo modulo: così Spalletti esalta “Ciro”

0
673

Per Napoli-Lazio, Spalletti inventa un nuovo modulo ad hoc per Dries Mertens: così l’allenatore ha esaltato il suo attaccante.

Mertens, attaccante del Napoli
Mertens, attaccante del Napoli (LaPresse)

Manca Anguissa. E manca anche Osimhen. Il Napoli deve fare i conti con assenze pesanti, soprattutto in attacco visto che Ounas sta recuperando dall’infortunio e Politano è ancora fermo per Covid. Per tale ragione, Luciano Spalletti riproporrà sicuramente Mertens in attacco contro la Lazio, ma difficilmente gli proporrà un ruolo da esterno.

Chiaramente, tutti si aspettano che Ciro giochi centravanti, come falso nueve, nel 4-2-3-1. Ma l’allenatore toscano ha già anticipato il modulo con il quale il suo Napoli scenderà in campo domani al Maradona.

Leggi anche >>> Spalletti, Napoli-Lazio da record: al Maradona il traguardo impressionante

Spalletti su Mertens: “Attaccante da 4-2-3-0”

Dries Mertens
Dries Mertens (LaPresse)

Le conferenze stampa di Luciano Spalletti sono sempre sorprendenti e ancora una volta il tecnico ha dimostrato di saper parlare ai giornalisti e soprattutto ai tifosi. Infatti, alla vigilia del match contro la Lazio ha spiegato come utilizzerà il suo miglior attaccante vista l’assenza di Osimhen: “Dries non ha problemi di confidenza davanti alla porta. E’ uno di quei giocatori che sa giocare nel 4-2-3-0 – scherza Spalletti – Mertens è l’attaccante che c’è o non c’è, che vedi poi non lo trovi“.

In effetti, il belga ha dimostrato contro l’Inter di poter essere ancora determinante nel ruolo di falso nueve, senza dare riferimenti agli avversari. Il suo gol da fuori area è di rara bellezza e può essere un’arma da utilizzare anche contro la rocciosa difesa della Lazio di Sarri. Proprio l’allenatore che ha reinventato Mertens punta.

Per Luciano, “Ciro” ha un pregio importante da dover esaltare: “Ai difensori piace meno marcare i piccolini”. Spalletti gioca a carte scoperte contro la Lazio. Sembra quasi scontato che il Napoli scenderà in campo con il 4-2-3-1. Pardon, 4-2-3-0 con Mertens che si muoverà nella trequarti e nell’area avversaria.