Focolaio di Covid al Leicester, un pericolo in più per il Napoli

0
452

Focolaio di Covid in casa Leicester, inglesi senza sette giocatori. Un pericolo in più per il Napoli in vista della gara di Europa League.

Leicester barriera
I giocatori del Leicester in barriera (La Presse)

Il Covid torna a colpire pesantemente anche il calcio in particolare in Inghilterra, dove nelle ultime ore il Tottenham di Antonio Conte ha annunciato la positività di otto calciatori della Prima squadra. Ma non solo. Un focolaio è scoppiato anche a Leicester, prossimo avversario del Napoli in Europa League.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Probabili formazioni Napoli-Leicester

Focolaio Covid a Leicester: pericolo per il Napoli

A confermare la delicata situazione è stato il tecnico delle Foxes, Brendan Rodgers, pur senza annunciare i nomi dei giocatori rimasti bloccati in Inghilterra e che non partiranno per Napoli: “Diversi giocatori non ci saranno. Abbiamo alcuni casi Covid, altri giocatori non stanno bene, per cui non ci siamo presi il rischio di portarli. Sono 7 i giocatori indisponibili. In generale i casi stanno aumentando, e per noi la salute dei giocatori viene prima di tutto”. I calciatori non convocati sono Lookman, Amartey, Iheanacho, Vestergaard, Perez, Benkovic, e Daley-Campbell. Ma il rischio di contagio resta.

Leicester esultanza
Esultanza del Leicester (La Presse)

Quella di giovedì sera al ‘Maradona’ sarà quindi una sfida tra due squadre in emergenza dato che il Napoli, a sua volta, dovrà fare a meno di parecchi titolari causa infortunio. Non un dettaglio per una partita che sarà decisiva ai fini della qualificazione per entrambe. Il Napoli accederà agli ottavi in caso di vittoria contro il Leicester se lo Spartak Mosca non farà altrettanto contro il Legia Varsavia.

Nel caso in cui i russi battessero i polacchi invece il Napoli vincendo la propria partita dovrebbero accontentarsi del secondo posto e sarebbe costretto a giocare i sedicesimi. Mentre se gli azzurri perdessero contro il Leicester e il Legia battesse lo Spartak Mosca, il Napoli chiuderebbe ultimo nel girone e sarebbe fuori da tutto. In tutti gli altri casi Napoli terzo e retrocesso in Conference League.

Spalletti dal canto suo non fa drammi per le tante assenze ed è pronto a rilanciare alcuni giocatori finiti ai margini negli ultimi mesi con particolare riferimento a Malcuit e Ghoulam. Importanti soprattutto le parole spese in conferenza per il primo: “In fase di possesso ha spunto, ha forza, ha la vampata della corsa e della velocità. Quando deve scegliere delle cose fa un po’ più fatica, però è un calciatore che ti crea delle problematiche proprio per questa fisicità e questa reattività che ha”.