Napoli-Leicester 3-2, sintesi e tabellino: azzurri agli spareggi

0
426

Il Napoli strappa il 3-2 che vale il secondo posto nel girone di Europa League e l’accesso agli spareggi: Leicester 3° e in Conference League.

Castagne Elmas Napoli Leicester
Il goal del 3-2 di Elmas (LaPresse)

Missione compiuta per il Napoli che svolge il suo compito battendo il Leicester (alle prese con un focolaio di Covid-19) e raggiungendo l’obiettivo minimo: gli azzurri giocheranno gli spareggi di febbraio, agli ottavi di Europa League ci va direttamente lo Spartak Mosca che supera di misura il Legia Varsavia.

I ragazzi di Spalletti partono col piglio giusto, consapevoli che la vittoria è l’unico risultato utile per proseguire l’avventura in Europa League: il classico coniglio estratto dal cilindro è la rasoiata incrociata di Ounas, che beffa Schmeichel dopo un gran recupero di Zielinski su Tielemans e un tiro tentato da Petagna. L’algerino è ‘on fire’, uno squalo che si accende appena fiuta l’odore del sangue: la sua conclusione dal limite è deviata pericolosamente in corner dalla difesa inglese che si salva. Gli ospiti hanno un sussulto con la botta ravvicinata di Ndidi, murata miracolosamente da Rrahmani che si immola per difendere la porta, e con l’inserimento di Barnes, ben controllato da Meret. L’azione del 2-0 azzurro è un mix di qualità ed estro, con gli stessi protagonisti del primo vantaggio: l’unica ‘novità’ è rappresentata dal finalizzatore, Elmas, che deposita in fondo al sacco sfruttando un comodo assist dell’altruista Petagna. Ti aspetti una gara in discesa per il Napoli e invece, a tirare fuori gli artigli, è il Leicester: la gioia per il raddoppio dura soltanto tre minuti, quanto basta ad Evans per fulminare Meret dopo un intervento non perfetto di Elmas che gli apparecchia involontariamente il tiro sugli sviluppi di un calcio di punizione. Il vantaggio dimezzato regala nuova linfa alle ‘Foxes’, ora più determinate e convinte di potercela fare: una spinta in tal senso è la rete del 2-2 di Dewsbury-Hall, che si coordina ottimamente col mancino e infila Meret facendo passare la sfera tra una selva di gambe. Al ‘Maradona’ scoppia il diluvio, non solo in senso meteorologico: Lozano sbatte violentemente col volto contro un fianco di Ndidi ed è costretto ad uscire in ambulanza per sottoporsi agli accertamenti del caso, costringendo Spalletti ad inserire Malcuit pochi minuti prima dell’intervallo.

L’avvio di ripresa del Napoli sembra la fotocopia del primo tempo, sempre con Ounas sugli scudi: l’algerino cerca fortuna sul primo palo, trovando la risposta di Schmeichel. Elmas si arrampica su Castagne e di testa spedisce il pallone sul fondo di pochissimo, ma questa è decisamente la sua serata: Malcuit premia il movimento di Di Lorenzo che, dalla destra, trova il nord-macedone, bravo a controllare e a siglare la doppietta in diagonale. Agli azzurri non è ammesso rilassarsi e, a ricordarlo, è l’acuto di Maddison che centra il palo esterno con un calcio di rigore in movimento, facendo venire i capelli bianchi al pubblico del ‘Maradona’. I due tecnici mettono mano all’attacco con gli innesti di Mertens e Daka, ed è proprio lo zambiano a duettare pericolosamente con Vardy: il mancino del bomber inglese scuote l’esterno della rete. Spalletti concede l’onore delle armi a Manolas dopo un mese e mezzo passato in infermeria, con l’intento di regalare forze fresche alla difesa per resistere all’assalto finale ospite: più di un brivido lo regala Dewsbury-Hall, che scivola al momento clou e grazia Meret. Malcuit rompe l’assedio con la botta che impegna Schmeichel, Vardy sbaglia a calibrare il colpo di testa in completa libertà: è l’ultima azione del match che alla fine sorride al Napoli, alla faccia dell’emergenza e delle numerose assenze.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Insigne, arriva l’offerta irrinunciabile: è pronto a dire sì

Napoli-Leicester 3-2, il tabellino

Marcatori: 4′ Ounas (N), 24′, 53′ Elmas (N), 27′ Evans (L), 33′ Dewsbury-Hall (L)

NAPOLI (4-2-3-1): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Juan Jesus, Mario Rui; Demme (78′ Manolas), Zielinski; Ounas (63′ Mertens), Elmas, Lozano (45′ Malcuit); Petagna. All. Spalletti.

LEICESTER (4-2-3-1): Schmeichel; Castagne, Evans, Soyuncu, Bertrand; Tielemans (77′ Soumaré), Ndidi; Dewsbury-Hall (89′ Albrighton), Maddison, Barnes (72′ Daka); Vardy. All. Rodgers.

Arbitro: Lahoz (Spagna)

Ammoniti: Petagna (N), Demme (N)

Espulsi: nessuno