Il pressing rossonero e l’offensiva partenopea: alla scoperta di Milan-Napoli

0
842

A San Siro si affrontano due squadre che hanno aperto alla grande la loro stagione, riscontrando nelle ultime settimane difficoltà simili. In Milan-Napoli ci saranno diversi assenti, che tuttavia non incideranno sull’alto livello dello spettacolo. 

Zielinski supera Tomori
Zielinski e Tomori (La Presse)

Il Milan ospita gli azzurri nel match serale di domenica. In Milan-Napoli mancheranno diversi titolari, ma è uno scontro di vertice che promette spettacolo, intensità ed emozioni. Le due compagini hanno camminato per diversi mesi a braccetto, alternandosi in vetta alla classifica.

La situazione è gradualmente cambiata, con l’Inter che ha approfittato delle rispettive difficoltà scavalcando le due concorrenti. Il risultato di questa partita sarà determinante per la stagione di Milan e Napoli, mai così lontane dalla vetta.

Milan-Napoli è una sfida tra squadre in difficoltà

Leao e Rebic esultano
Leao e Rebic esultano (LaPresse)

Il Milan si presenta al big match senza Rebic, Leao e probabilmente Calabria, in dubbio anche Theo causa febbre, chiude l’elenco il lungodegente Kjær. Pioli recupera dunque Giroud, augurandosi di trovare con lui le risposte alle difficoltà dell’ultimo periodo: solo due vittorie nelle ultime cinque, con un magro bottino di 8 goal segnati.

Non può ritenersi più fortunato il Napoli che, nonostante i recuperi di Mario Rui, Zielinski e Lobotka, dovrà fare a meno di Osimhen, Koulibaly, Insigne e Fabian Ruiz. Fatica a vincere la compagine azzurra, nonostante gli 11 goal fatti negli ultimi cinque incontri. Le due squadre stanno rallentando a causa delle tante assenze, ma hanno giocato la maggior parte degli incontri senza perdere la loro identità.

LEGGI ANCHE >>> Il Milan è un autentico diavolo nel secondo tempo

Il Milan costruisce e si muove bene sulla sinistra

Approfondimento Milan
Leao in progressione sulla sinistra, Theo sfrutta lo spazio a disposizione per muoversi tra le linee ed attrarre l’uomo su di sé, mentre Kessié attacca l’area di rigore al centro, seguendo i compagni.

Parlando di idee, quelle di Pioli sono oramai chiare: la catena di sinistra rappresenta un costante pericolo, grazie ai meccanismi ed i movimenti sviluppati nel corso di queste stagioni tra esterno, terzino e trequartista. Quest’ultimo può spesso iniziare l’azione e poi concluderla in aree pericolose del campo, come nel caso del goal di Kessié contro la Salernitana.

Approfondimento Milan, pressing
Jaroszynski è ingabbiato da 3 uomini del Milan, che, riconquistando palla, avviano una pericolosa transizione positiva: Diaz fallirà il goal a tu per tu con Belec

Un altro punto di forza dei rossoneri è il pressing, molto ben organizzato con attaccanti, trequartista e centrocampisti. L’idea è di riconquistare il pallone principalmente sulle fasce, quando in possesso del terzino: Di Lorenzo e Mario Rui dovranno dunque essere rapidi nelle decisioni per superare un primo pressing feroce, come nell’immagine.

Milan-Napoli, le probabili formazioni

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Kalulu (Florenzi), Tomori, Romagnoli, Ballo-Touré (Hernandez); Tonali, Kessie; Saelemaekers (Messias), Diaz, Krunic (Messias); Ibrahimovic. All. Pioli

NAPOLI (4-2-3-1): Ospina; Malcuit, Rrahmani, Juan Jesus, Di Lorenzo; Anguissa, Demme; Lozano (Politano), Zielinski, Elmas (Ounas); Mertens. All. Spalletti