Milan-Napoli, Spalletti annuncia gli assenti: “In 5 non saranno convocati”

0
644

Intervenuto in conferenza stampa, Luciano Spalletti si è soffermato sulle tante assenze: in cinque non saranno convocati per Milan-Napoli.

lorenzo insigne milan napoli spalletti
Lorenzo Insigne salterà Milan-Napoli (LaPresse)

Il passo falso con l’Empoli rischia di lasciare scorie impreviste nell’umore del Napoli, passato in pochi giorni dal primo al quarto posto e ora distante sette lunghezze dall’Inter capolista, che ha giocato una gara in più (quella stravinta con la Salernitana). L’avversario per provare a ripartire non è uno dei migliori: domenica sera si va a San Siro per sfidare il Milan, voglioso di rispondere ai cugini per non perdere ulteriore terreno dalla vetta, lasciata proprio una settimana fa dopo il pari di Udine e il successivo 4-0 interista contro il Cagliari.

Il Napoli arriva a questo importante incrocio con la rosa a pezzi, ‘massacrata’ dalle assenze che hanno stravolto l’undici titolare di Luciano Spalletti, intervenuto nella conferenza stampa della vigilia per presentare la trasferta meneghina e fare il punto sui numerosi forfait: Mario Rui non sarà convocato, così come Fabian, Insigne, Koulibaly e Osimhen. Si fa prima a dire chi c’è (ride, ndr)”. Se per gli ultimi due il ko era scontato, lo stesso non può dirsi per i primi tre: il portoghese alla fine ha dovuto alzare bandiera bianca, così come lo spagnolo e il capitano, la cui disponibilità è stata in dubbio fino all’ultimo.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli, mancano energie? Attento al Milan: è un Diavolo nel secondo tempo

Milan-Napoli ancora più ostico, Spalletti: “Possiamo vincere lo stesso”

Spalletti Milan Napoli
Luciano Spalletti, allenatore del Napoli (LaPresse)

Queste cinque indisponibilità non devono però rappresentare un alibi in vista della gara di domenica sera, tanto che Spalletti ci tiene a sottolinearlo: Possiamo vincere la gara con i giocatori che abbiamo a disposizione, l’obiettivo è quello di portare a casa i tre punti”. Massima fiducia negli arruolabili quindi, il viatico migliore per esaltarne le qualità che dovranno sopperire alla quantità di estro venuta improvvisamente meno.