Spalletti promuove Tuanzebe: “E’ fisico, gli manca soltanto una cosa”

0
268

Esordio col Napoli per Tuanzebe che ha giocato gli ultimi minuti contro la Sampdoria: la sua fisicità non è passata inosservata a Spalletti.

Luciano Spalletti Tuanzebe
Spalletti dà indicazioni ai suoi durante Napoli-Sampdoria (LaPresse)

Il massimo risultato col minimo sforzo: può essere riassunta così la prova del Napoli, utile per ottenere tre punti dall’elevato peso specifico contro una rocciosa Sampdoria. Decisivo un gesto tecnico sublime di Petagna allo scadere del primo tempo, per togliere le castagne dal fuoco e regalare a Spalletti (rientrato in panchina proprio in extremis dopo essersi negativizzato) una vittoria che consente di mantenere il terzo posto con due punti di vantaggio sull’Atalanta, reduce dalla scorpacciata di reti all’Udinese.

Nel pomeriggio del ‘Maradona’ c’è stato spazio anche per l’ultimo dei nuovi arrivati: Axel Tuanzebe ha ufficialmente raccolto il suo primo gettone con la maglia del Napoli, subentrando all’80’ al posto di Ghoulam nell’ottica del passaggio alla difesa a tre, tattica adottata da Spalletti nel finale di partita. Proprio il tecnico di Certaldo ha speso parole al miele per il difensore inglese nella conferenza stampa successiva al triplice fischio dell’arbitro Di Bello: “E’ un calciatore fisico che può marcare l’avversario sul breve. E’ di livello, poi ovviamente deve ancora conoscere le varie dinamiche del nostro campionato che non sono facili per nessuno, soprattutto all’inizio.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Barcellona, Xavi perde un titolare! Salterà il Napoli? Svelati i tempi di recupero

Spalletti: “Tuanzebe alternativa di qualità”

Axel Tuanzebe
Axel Tuanzebe, all’esordio col Napoli (LaPresse)

Spalletti ha anche precisato il ruolo attuale di Tuanzebe in questo Napoli, che ha bisogno di tutti per sostenere il ritmo incessante degli impegni nelle tre competizioni: “Ha delle qualità e per noi è molto comodo avere un’alternativa come lui: si gioca spesso e a volte servono dei ricambi. Juan Jesus e Rrahmani sono stati eccezionali, hanno retto contro tutti giocando praticamente sempre”.