Il ‘parto’ è avvenuto: Insigne rompe la maledizione dopo 9 mesi

0
644

Lazio-Napoli è stata la partita di Lorenzo Insigne: prestazione perfetta per il capitano, autore anche dell’assist a Fabian Ruiz.

Insigne Lazio Napoli
Insigne esulta dopo il goal in Lazio-Napoli (LaPresse)

Il destro di prima intenzione al minuto 62 di Lazio-Napoli può davvero rappresentare l’inizio di una nuova storia per Lorenzo Insigne, migliore in campo all’Olimpico e volto felice di una squadra che ha finalmente agganciato il Milan in testa alla classifica. Un goal su azione cercato con insistenza e trovato in una delle gare più importanti a livello emotivo, praticamente un ‘unicum’ della stagione del capitano azzurro che fino a quel momento aveva timbrato il cartellino in campionato soltanto dagli undici metri.

L’ultima gioia di Insigne non da calcio di rigore in Serie A risaliva infatti all’11 maggio 2021, giorno in cui punì l’Udinese: si trattava addirittura del torneo scorso, mentre nel computo assoluto bisogna tornare indietro fino a Napoli-Legia Varsavia 3-0, match disputato nella fase a gironi dell’attuale Europa League. 9 mesi di attesa, un vero e proprio ‘parto’ che alla fine potrebbe aver dato alla luce un nuovo Insigne, un giocatore rivitalizzato per affrontare nel modo giusto questi ultimi tre mesi che potrebbero entrare nella storia del club.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Spalletti l’ha fatto ancora! Il gesto del mister davanti alle telecamere

Finale di stagione cruciale: Insigne può essere la chiave di svolta

Insigne Napoli
Lorenzo Insigne, capitano del Napoli (LaPresse)

Il ritorno al goal su azione, visto come il termine di una maledizione, non può che fare bene al morale di Insigne, apparso spesso cupo, corrucciato e quasi ‘lontano’ con la mente dalle dinamiche interne di una squadra in lotta perenne per le primissime posizioni. Pensieri generati dai dubbi su un futuro che tra qualche mese lo vedrà protagonista in Major League Soccer con la maglia del Toronto: se da un lato traspare il dolore per una scelta ‘impopolare’, l’aver messo a posto questo delicato aspetto può definitivamente sgombrare la mente di Insigne per focalizzarla sull’obiettivo Scudetto e giungere ad un agognato lieto fine. Proprio come nelle favole.