Napoli-Udinese 2-1: ci pensa Osimhen, azzurri momentaneamente in testa

0
596

Pur con qualche patema di troppo, il Napoli supera l’Udinese in rimonta e raggiunge momentaneamente il Milan in vetta alla classifica. 

Molina Fabian Napoli Udinese
Molina contende la palla a Fabian in Napoli-Udinese (LaPresse)

Secondo successo consecutivo per il Napoli che aggancia momentaneamente il Milan in testa alla classifica: 2-1 in rimonta ad un’Udinese come al solito coriacea e per nulla propensa a fare da vittima sacrificale. Protagonista assoluto Osimhen, eroe di giornata con una doppietta come a Verona.

La partenza è tutta dei friulani, le cui minacce alla porta di Ospina sono dei chiari avvertimenti sulle ‘cattive’ intenzioni della squadra di Cioffi: Molina pennella per la testa di Beto che si divora l’occasione del vantaggio mentre, dall’altra parte, i pericoli per Silvestri appaiono sporadici e quasi casuali. Non è affatto casuale, invece, la rete ospite: Pereyra vede e serve un liberissimo Deulofeu che, dal limite dell’area, prende la mira e deposita il pallone nell’angolo più lontano. I partenopei accusano il colpo e rischiano di subire il raddoppio con l’incornata di Pablo Marí, disinnescata da Ospina con un super intervento all’incrocio dei pali. L’enorme rischio scuote un po’ il Napoli, finalmente più concreto in zona d’attacco: Silvestri deve sfoderare due paratone sul destro a giro di Insigne e sul tiro di Fabian Ruiz, reso ancor più insidioso da una deviazione.

Spalletti capisce comunque che va cambiato qualcosa, per conferire un assetto ancora più spregiudicato ai suoi: Mertens rileva Fabian Ruiz e cambia il volto degli azzurri, passati ad un 4-2-3-1 più efficace. Il muro bianconero crolla al 52′: punizione battuta in maniera intelligente da Mario Rui, Osimhen sfila alle spalle di Udogie e in torsione batte Silvestri. L’inerzia del match cambia così completamente e, per poco, Mertens non trova un eurogoal da posizione quasi impossibile. Deulofeu testa i riflessi di Ospina, ma a trovare il colpo grosso è nuovamente Osimhen, rapace nel girare in rete un assist di Di Lorenzo dalla fascia destra. Sostituzione obbligata per l’infortunato Di Lorenzo, notizia non positiva soprattutto in ottica Nazionale. La pietra tombale sulle speranze dell’Udinese è il rosso diretto mostrato a Marí che prende Zielinski anziché il pallone, mentre nel finale è il palo ad aiutare Silvestri sulla botta ravvicinata dell’ottimo Mario Rui. Gialli pesanti per Rrahmani e Osimhen: entrambi salteranno la trasferta di Bergamo per squalifica.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> “Quanto ti ho odiato”, il retroscena di Santacroce su Ronaldinho

Napoli-Udinese 2-1, il tabellino

Osimhen Napoli Udinese
Osimhen in azione in Napoli-Udinese (LaPresse)

Marcatori: 22′ Deulofeu (U), 52′, 63′ Osimhen (N)

NAPOLI (4-3-3): Ospina; Di Lorenzo (78′ Zanoli), Rrahmani, Koulibaly, Mario Rui; Anguissa, Lobotka, Fabian Ruiz (46′ Mertens); Politano (70′ Zielinski), Osimhen, Insigne (88′ Elmas). All. Spalletti

UDINESE (3-5-2): Silvestri; Becao, Marí, Zeegelaar; Molina (76′ Soppy), Pereyra (88′ Jajalo), Walace, Makengo (76′ Samardzic), Udogie; Beto (68′ Pussetto), Deulofeu. All. Cioffi

Arbitro: Fourneau

Ammoniti: Zeegelaar (U), Udogie (U), Rrahmani (N), Osimhen (N)

Espulsi: Marí (U) all’82’