Lotta scudetto, la previsione dell’ex Napoli: “Non è più come una volta”

0
456

L’ex azzurro ha parlato al Corriere dello Sport circa le previsioni per questo intenso finale di campionato. Ecco cosa pensa sull’epilogo.

Doppio ex per una sfida che sa di amarcord per Claudio Ranieri. Il suo nome legato indissolubilmente alle due panchine, quelle di Napoli e Roma, chiaramente si ricorda maggiormente la sua esperienza nella capitale, è di quelli che nel mondo del calcio non possono fare che bene. Cosi come ascoltare i suoi pareri, le sue idee, le sue storie.

Spalletti Pioli
Allenatori Napoli Milan Alessandro Garofalo/LaPresse

Secondo Claudio Ranieri, ex tecnico sia del Napoli che della Roma, allenatore dall’esperienza e dalle qualità praticamente infinite, fare pronostici è letteralmente impossibile. Dire, ipotizzare il nome del vincitore dello scudetto, oggi è praticamente impossibile. Questo per una serie di fattori che in questa stagione sono tutti abbastanza evidenti.

Secondo Ranieri, in passato fare pronostici era molto più fase, anche considerati gli atteggiamenti delle squadre già salve che spesso non si impegnavano più di tanto. Ora invece, spiega il tecnico, ogni gara diventa imprevedibile e chiunque può rischiare praticamente in qualsiasi motivo. Anche per questo quindi è difficile tirare fuori la favorita tra Milan, Napoli e Inter.

Claudio Ranieri parla del campionato e delle previsioni impossibili in chiave scudetto

Claudio Ranieri
Claudio Ranieri LaPresse

Le pretendenti per lo scudetto, oggi Milan, Napoli ed Inter sono tutte e tre accreditate per poter arrivare allo scudetto chiaramente. Non c’è oggi una delle squadre che abbia dimostrato in qualche modo superiorità rispetto agli avversari. Oggi, in un certo senso, si attende soltanto il Napoli, considerati i successi di Inter e Milan nella giornata di ieri. Testa a lunedi, dove tutto può accadere. Come ha spiegato Ranieri, tutto è oggi imprevedibile.

Le due milanesi ed il Napoli, in questa fase rischiano seriamente di dare vita ad uno dei finali di stagione più intensi ed incerti degli ultimi anni. Le previsioni non sono possibili, dice bene Ranieri al Corriere dello Sport, ma fino a quando sarà cosi? Arriveremo alle ultime due giornate magari con un quadro più delineato? Più leggibile, per cosi dire? Il rischio concreto è che ciò potrebbe non avvenire, magari per gli sportivi l’ipotesi sarebbe anche molto allettante. A vincere sarà la migliore, si spera, o forse soltanto la più fortunata. Forse.