Una Salernitana da “Scudetto”: il dato che premia gli uomini di Nicola

0
151

La Salernitana è fuori dalla zona retrocessione. Nicola potrebbe raggiungere così una salvezza che, fino a pochi mesi fa, era impensabile. 

Sarebbe stato difficile, per non dire impossibile, anche solo immaginare che, arrivati a questo punto del campionato, la Salernitana potesse sperare nella salvezza.

Salernitana-Venezia
Salernitana, i giocatori esultano dopo la vittoria
(LaPresse)

Nel calcio, però, nulla può essere dato per scontato e così, dopo un’intera stagione passata nelle zone più basse della classifica, Nicola è riuscito a ridare entusiasmo alla tifoseria che, adesso, può credere seriamente nel miracolo sportivo. La vittoria nello scontro diretto contro il Venezia ha proiettato i campani fuori dalla zona retrocessione, cosa che non era ancora mai accaduta nel corso del campionato. Analizzando le statistiche si può notare come l’arrivo del nuovo tecnico coincida con un evidente cambio di marcia e la media punti è paragonabile addirittura ad una squadra che lotta per il titolo.

Salernitana, numeri da sogno

Zortea disperato in Salernitana-Napoli
Zortea disperato in Salernitana-Napoli (LaPresse)

Senza alcun dubbio, Nicola è stato l’uomo della svolta in casa Salernitana. Il tecnico non è nuovo a questo tipo di imprese come dimostrato nel 2017 quando, alla guida del Crotone, riuscì a conquistare la salvezza proprio nelle ultime sfide decisive. Da quando guida i campani, ha conquistato 4 vittorie, 4 pareggi e 4 sconfitte risollevando le sorti di una squadra che era data già per spacciata. Dato particolarmente rilevante è che, dei 16 punti conquistati da Nicola, 13 di questi sono arrivati nelle ultime 5 partite disputate in campionato, confermando lo stato di forma incredibile dei campani. La media punti delle ultime 5 partite è la migliore tra le squadre di serie A e, allargando lo sguardo all’intero panorama europeo, si nota come la Salernitana sia dietro solo a Real Madrid e Monaco, che hanno ottenuto solo vittorie. L’incredibile rimonta è stata possibile anche e soprattutto grazie all’arrivo di Sabatini, autore di un mercato di riparazione degno di nota.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI>>>Napoli, il rinforzo per la difesa arriva da Oriente: c’è lui nel mirino di Giuntoli

Il calendario porta una marcia in più

Sarebbe scontato dire quanto sia importante, ai fini della classifica, la prossima sfida in programma tra Salernitana e Cagliari. I sardi, dopo l’esonero di Mazzarri, sono scivolati al terzultimo posto scavalcati proprio dai campani. La squadra di Nicola, rivitalizzata dagli incredibili successi, cercherà di conquistare un’altra vittoria per avvicinarsi ulteriormente all’obiettivo finale. Fattore particolarmente decisivo sarà che, l’importantissima sfida con il Cagliari e l’ultima di campionato con l’Udinese, si disputeranno all’Arechi in un’atmosfera incredibile. La penultima partita, invece, si giocherà al Castellani contro l’Empoli, che non ha più nulla da chiedere al campionato, ma che non va sottovalutato assolutamente.