Scelto il nuovo capitano dopo Insigne: ma c’è un grosso ostacolo

0
865

Lorenzo Insigne è pronto a lasciare il Napoli. L’attaccante dovrà cedere la sua fascia di capitano: c’è già il suo erede designato

L’addio di Lorenzo Insigne al Napoli è ormai scritto e sancito. Domenica a La Spezia (ore 12.30, Dazn) l’attaccante giocherà la sua ultima partita in azzurro. Poi le meritate vacanze, in attesa di cominciare la sua prossima stagione in Canada, dove lo aspetta il Toronto. Da quelle parti il campionato è in corso, e Lorenzo dovrà raggiungere la sua nuova società prima possibile. Con il Napoli Insigne lascerà anche la fascia di capitano: l’ha ereditato nel 2018, dopo l’addio di Marek Hamsik.

insigne
Scelto il nuovo capitano dopo Insigne: ma c’è un grosso ostacolo (Ansa)

Adesso che tocca a lui andare via servirà eleggere un nuovo capitano. Pochi dubbi, perché il nome già c’è. Il designato è il difensore senegalese Kalidou Koulibaly. Una volontà condivisa, da compagni e allenatore. Spalletti lo adora, e già in tempi non sospetti lo aveva designato, definendolo “comandante”. Anche Insigne è felice di lasciare la sua fascia al difensore, mentre Dries Mertens sarà il suo vice. Insomma, tutto in buone mani, per una continuità importante tra giocatori che hanno sicuramente senso di appartenenza e amano la maglia al di là dell’impegno professionale. Eppure, c’è un ombra che potrebbe mettere in discussione la designazione di Koulibaly capitano.

Nuovo capitano del Napoli dopo Insigne: ecco l’erede

Il problema riguarda il contratto del difensore. Questo scadrà nel 2023, ma non è il solo ostacolo. Attualmente, lo stipendio di Kalidou è il più alto della squadra. Guadagna ben 6 milioni di euro a stagione: un ingaggio altissimo, che il presidente Aurelio De Laurentiis vuole tagliare. E qui nasce il problema, perché la scadenza 2023 e l’ingaggio da tagliare richiedono un rinnovo. Il calciatore vorrebbe restare, a meno che non arrivino offerte irrinunciabili. Però, sa che la società gli chiederà di tagliarsi l’ingaggio in caso di rinnovo. L’idea di De Laurentiis è di “spalmare” il prossimo anno di contratto in due annualità, più altre due.

Koulibaly pensieroso
Kalidou Koulibaly durante la gara tra Napoli e Genoa (LaPresse)

Il nuovo stipendio sarebbe di 3 milioni di euroa stagione. Koulibaly, però, non sembra entusiasta. La sua volontà sarebbe di avere l’ingaggio che gli spetta per il 2023 e poi proseguire con un contratto a cifre inferiori, ma non è chiaro di quanto. In parole povere il difensore rischia di rimanere a scadenza, oppure di andare via da Napoli se dovesse arrivare una nuova offerta. Nulla che farà rimanere i tifosi del Napoli tranquilli in attesa di novità. Koulibaly come Insigne, quindi: il pericolo è che il senegalese possa salutare mestamente a zero tra un anno. Un epilogo che i sostenitori azzurri non si augurano.