Addio Osimhen, Spalletti ha pronta l’alternativa: gioca in una big

0
334

Il Napoli che sta prendendo forma in vista della prossima stagione non è ancora strutturalmente ben definito.

Gli ultimi giorni possono essere considerati più che intensi in casa Napoli. Le dichiarazioni di singoli protagonisti dell’ambiente azzurro rischiano di mettere in discussione quelli che fino a poco prima apparivano come punti fermi del progetto futuro. Nelle scorse ore lo stesso allenatore Luciano Spalletti ha detto la sua in merito ad eventuali stravolgimenti inattesi.

Spalletti Osimhen
Spalletti Osimhen Pecoraro/LaPresse

Intervenuto in diretta presso la trasmissione tv “Calciomercato l’originale” in onda su Sky, Luciano Spalletti ha parlato a trecentosessanta gradi di quella che è al momento la situazione in casa Napoli, tra progetti, aspettative e situazioni di mercato, soprattutto in uscita al momento ancora poco chiare. Osimhen, Koulibaly, Ospina, il tecnico toscano ha parlato di tutti e soprattutto lo ha fatto a modo suo.

La posizione del tecnico ex Inter e Roma è apparsa in tal senso molto serena. In linea di massimo Spalletti opta per un approccio molto pratico rispetto alla possibilità di eventuali cessioni. Ogni calciatore ceduto dovrà essere degnamente sostituito. Questo sembrerebbe essere per sommi capi la linea adottata dall’allenatore toscano. Il progetto insomma deve continuare.

Spalletti parla di eventuali cessioni e chiede di essere quantomeno fornito di alternative valide

Victor Osimhen
Victor Osimhen LaPresse

Anche quando si parla di Victor Osimhen e della situazione che al momento sembra vedere il calciatore che esclude affatto una esperienza all’estero, Inghilterra o Spagna su tutte, il tecnico Luciano Spalletti appare piuttosto rilassato. Nessun problema, lascia intendere, basta che arrivi qualcuno che possa essere allo stesso modo forte e deciso in quel ruolo.

Luciano Spalletti in un certo senso ammette una sorta di fiducia nella società e nei suoi uomini chiave. Avalla eventualmente le cessioni importanti se queste portano a cifre consistenti che fanno bene ai bilanci ma allo stesso tempo chiede che il calciatore ceduto possa essere sostituito al meglio. Il progetto deve essere credibile e deve andare avanti ne migliore dei modi. Il mercato è sacro, sembra dire Spalletti, ma lo sono evidentemente anche i tifosi e tutti coloro che ancora hanno voglia e bisogno di sognare.