“De Laurentiis era il più interessato”, la rivelazione del patron spiazza tutti

Oltre a Giacopo Raspadori e Giovanni Simeone, Aurelio De Laurentiis e Cristiano Giuntoli a gennaio hanno cercato un altro bomber.

Quella del Napoli di Aurelio De Laurentiis è un’estate molto movimentata. Nel club partenopeo, di fatto, è in atto vera e propria rivoluzione, visti gli addii di calciatori importanti come Lorenzo Insigne, David Ospina, Kalidou Koulibaly e Dries Mertens. Allo stesso tempo, però, sono arrivati anche tanti nuovi giocatori: dal georgiano Kvaratskhelia, passando per Ostigard e Mathias Olivera, a Kim Min-Jae.

Aurelio De Laurentiis a Palazzo Reale
Aurelio De Laurentiis (Ansa Foto)

Tutti questi cambiamenti tra fila della squadra guidata da Luciano Spalletti sono figli della nuova strategia attuata dalla società partenopea: ovvero il taglio del monte ingaggi. Dopo due mancate qualificazioni alla Champions League e la pandemia, Aurelio De Laurentiis, infatti, ha più volte ribadito la necessità del club di rientrare nei costi.

Nonostante questa nuova politica, il Napoli è ben consapevole che deve comunque mantenere certo livello di competitività per continuare ad accedere alla massima competizione europea per club. Proprio per questo si stanno seguendo nomi molto importanti per l’attacco partenopeo: Giovanni Simeone e Giacomo Raspadori. Oltre a questi due giocatori, però, Aurelio De Laurentiis e Cristiano Giuntoli hanno cercato anche un altro centravanti. 

Napoli, l’annuncio del presidente del Pisa: “Lucca? De Laurentiis era il più interessato nel mercato di gennaio”

Lorenzo Lucca con la maglia del Pisa
Lorenzo Lucca (LaPresse)

Giuseppe Corrado, presidente del Pisa, ai microfoni di ‘TV Play’ ha confermato proprio l’interessamento dei partenopei per Lorenzo Lucca: “In Italia si è mosso solo il Bologna? De Laurentiis era il più interessato al giocatore nel mercato di gennaio, ma gli dissi di parlarne a giugno. Poi le necessità per le società cambiano. Non voglio entrare nelle dinamiche delle altre squadre, ma posso dire che in Italia devono imparare a creare valore. Perché si può vincere la coppa, però poi si distruggono i bilanci. Bisogna creare una società virtuosa”.

Il patron del club toscano ha poi continuato il suo intervento: “Lucca all’Ajax? Siamo molto orgogliosi di questa operazione. Sono presenti delle clausole? Se dovesse restare, sì. Bologna arrabbiato per il mancato acquisto del giocatore? Dispiace, tuttavia tutti si dovrebbero dispiacere che un talento italiano sia stato comprato da un club straniero”. Le parole di Corrado, quindi, hanno confermato il forte interessamento per Lucca da parte del Napoli che, però, adesso è concentrato su Raspadori e Simeone.

Napoli, gli ultimi aggiornamenti su Raspdori e Simeone

Giacomo Raspadori con la Nazionale
Giacomo Raspadori con la maglia della Nazionale (Ansa Foto)

Gli azzurri hanno un accordo con il primo, non ancora con il Sassuolo. Il club emiliano, infatti, vorrebbe circa 40 milioni di euro per cedere Raspadori, mentre il Napoli ne avrebbe offerto 25. Sul giocatore, intanto, bisogna registrare il forte inserimento della Juventus. Per quanto riguarda Simeone, invece, nonostante l’interesse del Borussia Dortmund, tutto continua a dipendere dalla cessione di Petagna al Monza.