Home Le Rubriche di napolicalciolive.com Fiorentina-Napoli, non tutto è da dimenticare

Fiorentina-Napoli, non tutto è da dimenticare

meret Fiorentina-Napoli
Alex Meret in Fiorentina-Napoli ©Getty Images

Nella partita Fiorentina-Napoli il reparto offensivo ha deluso le aspettative, ma non sono mancati anche degli aspetti positivi.

Il risultato finale di Fiorentina-Napoli è stato negativo. Il pareggio colto al ‘Franchi’ ieri non può di certo far sorridere Carlo Ancelotti ed i suoi giocatori, protagonisti di una partita giocata molto spesso all’attacco senza concedere niente se non qualche tiro in porta agli avversari. Ma il gol e la vittoria, che sarebbero stati più che meritati, alla fine non sono arrivati. Ci sono da correggere diverse cose, soprattutto dal punto di vista mentale. Perché fisicamente la squadra sta bene e corre come sempre, proponendo un calcio veloce ed aggressivo. Ad ogni modo alcune cose buone in Fiorentina-Napoli da parte degli azzurri non sono mancate. Ad esempio si è rivisto l’Allan dei giorni migliori, quello che corre e pressa a tutto campo e che morde le caviglie agli avversari senza fermarsi mai. Contro il Milan in Coppa Italia era mancato il suo apporto e si è visto.

LEGGI ANCHE –> Fiorentina-Napoli, Mertens e il gol perduto: c’entra il contratto?

Fiorentina-Napoli, ci sono state anche delle cose buone

Molto bene anche Hysaj, che senza ombra di dubbio ieri si è reso protagonista di quella che è la sua miglior prestazione stagionale. Il mal di pancia espresso per bocca del suo procuratore a gennaio per via di una posizione non più da protagonista assoluto è sembrato non condizionarlo in alcun modo. Con il Napoli ci sarà da discutere su quello che sarà il suo ruolo, ma in futuro. Quando c’è da fare il proprio dovere, Hysaj è sempre pronto. E molto bene è andato anche Maksimovic. Il serbo era stato tra i peggiori sempre in Coppa Italia, con Piatek che lo aveva scavalcato in maniera quasi irrisoria. Ieri però l’ex torinista ha dato prova di solidità e di efficacia al posto dell’infortunato Albiol. Ed al suo fianco c’era il solito, monumentale Koulibaly, capace più di una volta di intimidire l’avversario di turno. Infine molto bene anche Meret. Solo un paio sono stati i suoi interventi, ma provvidenziali e da grande portiere quale è.

LEGGI ANCHE –> Zurigo-Napoli, le probabili formazioni: spazio a Malcuit, Verdi e Diawara