Home Le Rubriche di napolicalciolive.com Europa League, i quarti mancano dal 2015: l’ultima impresa fu di Benitez

Europa League, i quarti mancano dal 2015: l’ultima impresa fu di Benitez

Quarti Europa League
Benitez, Higuain ed Inler dopo Wolfsburg-Napoli ©Getty Images

Quarti Europa League – Il Napoli non supera gli ottavi della competizione dal lontano 2015, quando alla guida del club c’era Rafa Benitez.

Un campionato che sembra ormai quasi spento e la Coppa Italia che andrà a qualcun altro, per il Napoli la stagione rischia di assumere contorni poco entusiasmanti se dovesse sfumare anche l’ultimo obiettivo rimasto, l’Europa League. Il sogno di Ancelotti e della società azzurra è quello di andare fino a Baku ad alzare il trofeo, che manca dalle parti del golfo campano da circa un trentennio. E’ tempo di tornare ad imporsi in Europa, e cominciare facendolo dalla seconda competizione che coinvolge i più importanti campionati del continente sarebbe un buon punto di partenza. Per questo contro il Salisburgo bisognerà evitare di sbagliare e mandare in frantumi il lavoro fatto all’andata, quando un 3-0 ha steso gli austriaci.

Per essere sempre aggiornato sul Napoli CLICCA QUI

LEGGI ANCHE —> Napoli su Lazaro, l’agente: “Non smentisco, piace a tanti”

Quarti Europa League, nel 2015 il Wolfsburg

L’obiettivo dei quarti si fa sempre più vicino, Carlo Ancelotti avrà l’opportunità di ripetere quanto fatto da Benitez a suo tempo, con l’obiettivo, stavolta, di migliorarsi ulteriormente ed approdare fino alla finale. Quel Napoli, nel 2015, non solo approdò ai quarti di finale di Europa League, ma, battendo un fortissimo Wolfsburg in trasferta, riuscì ad arrivare perfino alle semifinali, perse poi sciaguratamente contro il Dnipro a causa di una clamorosa svista arbitrale. L’impresa contro il club tedesco arrivò nell’aprile del 2015, ben 4 anni or sono: è tempo che il Napoli torni a spaventare in Europa come qualche tempo fa. Alla sfida con il Wolfsburg, gli azzurri ci arrivarono dopo aver eliminato agli ottavi la Dinamo Mosca. L’ostacolo del presente si chiama invece Salisbrugo, e chissà che dopo averlo eventualmente superato per i partenopei non si present qualche grande favorita per il titolo come fu con Benitez.

LEGGI ANCHE —> Salisburgo-Napoli, i convocati di Ancelotti: esclusi gli squalificati