Home Rubriche James Rodriguez al Napoli, De Laurentiis prepara un nuovo assalto

James Rodriguez al Napoli, De Laurentiis prepara un nuovo assalto

James Rodriguez Napoli, è guerra psicologica col Real Madrid. Ecco la nuova offerta del club di De Laurentiis 

James Rodriguez calciatore mercato Napoli
James Rodriguez, prestito (Getty Images)

Nessun nome nuovo per l’attacco del Napoli, ma un ritorno di fiamma. Sfumato Nicolas Pépé (l’ivoriano è vicinissimo all’Arsenal), Cristiano Giuntoli ora sta riprovando a portare James Rodriguez al Napoli. Il giocatore, fortemente voluto da Ancelotti, è al centro di un tira e molla psicologico tra il presidente del Napoli De Laurentiis e quello del Real, Perez. Se il calciomercato chiude il 2 settembre, il numero uno partenopeo vuole avere il colombiano in rosa prima della sfida con la Juve, in programma alla seconda giornata di campionato. Ed ecco allora una nuova proposta fatta direttamente al procuratore Mendes (alleato di De Laurentiis in questa trattativa): 5-6 milioni per il prestito oneroso all’anno, soldi da scalare sul prezzo del cartellino, fissato intorno ai 35 milioni.

La società azzurra, che dispone di molta liquidità data dalle cessioni di Inglese, Rog e Vinicus su tutti, vorrebbe il giocatore con la stessa formula concessa al Bayern Monaco due anni fa (prestito oneroso di 5 milioni di euro all’anno, con riscatto non obbligatorio fissato a 35 milioni). Dopo due stagioni non molto esaltanti al Bayern, il Real però non vuole rischiare di far scendere il valore di James Rodriguez, in scadenza di contratto nel 2021, e ha fissato il prezzo per la cessione definitiva a 42 milioni. Troppo alto per il Napoli è l’ingaggio del calciatore (il tetto massimo da non superare sono i 5 milioni di Insigne). Da qui nasce lo stallo nella trattativa.

Leggi anche — > CLAMOROSO: Il Real Madrid comunica a James Rodriguez che non verrà ceduto

James Rodriguez, niente Atletico. Il Real sceglie: Napoli o riconferma

Intanto su James Rodriguez, oltre al Napoli, è sempre vivo l’interesse dell’Atletico (club diretto concorrente del Real nella Liga) e negli ultimi giorni, complice anche il serio infortunio di Asensio (rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro), si fa largo l’idea che il colombiano possa rimanere alla corte di Zidane. Un depistaggio dato che l’allenatore nei giorni scorsi ha considerato cedibile l’attaccante e non lo ha convocato per l’Audi Cup. Dopo la Copa America e dopo 787 giorni Rodriguez è infatti tornato ad allenarsi nel centro sportivo dei blancos. Da solo.