Home Napoli News Napoli, il segreto di Demme: la nuova arma di Gattuso

Napoli, il segreto di Demme: la nuova arma di Gattuso

CONDIVIDI

La sfida vinta in settimana contro la Lazio ha già evidenziato l’importanza di Diego Demme nello scacchiere tattico del Napoli. Gattuso ne ha spiegato le caratteristiche oggi in conferenza. 

La ventunesima giornata di Serie A si chiuderà con il primo ritorno da avversario al San Paolo di Maurizio Sarri, per un Napoli-Juventus sulla carta favorevole ai bianconeri, alla luce degli ultimi risultati in campionato. Eppure la sfida infrasettimanale di Coppa Italia ha restituito ai tifosi azzurri una squadra in crescita, capaci di battere una squadra in forma come la Lazio offrendo una prestazione piuttosto convincente. A stupire è stato in particolar modo il rapido inserimento del neo acquisto Diego Demme, che dopo i primi assaggi contro Perugia e Fiorentina ha prontamente preso per mano il centrocampo partenopeo in una sfida di alto livello come quella contro i biancocelesti.

LEGGI ANCHE >>> Napoli-Juventus, le probabili formazioni: problemi per Gattuso

Napoli, l’importanza di Demme: il nuovo mediano di Gattuso

Diego Demme GettyImages

Il mediano tedesco ex Lipsia ha immediatamente conquistato l’esigente pubblico di Napoli ed in particolar modo il tecnico Gattuso che dopo la bella prova di coppa è prontissimo a rilanciarlo da titolare anche contro la Juventus domani sera. Una nuova prova del nove per un centrocampista che mancava davvero alla rosa partenopea che ora può vantare tra le proprie fila un calciatore capace di catturare palloni in entrambe le fasi di gioco, offrendo il primo step per la costruzione dell’azione offensiva con giocate semplici e lineari, alternando al contempo ottime capacità di filtro davanti alla difesa.

LEGGI ANCHE >>> Napoli-Juventus, i convocati di Gattuso: rientro in difesa

Importanza dunque capitale quella di Demme che si è inserito di prepotenza nello scacchiere di Gattuso che oggi in conferenza ha spiegato benissimo le fasi di gioco in cui eccelle il mediano teutonico: “Fa diventare semplici le cose difficili. E’ uno che semplifica, fa sembrare più semplice tutto. Può migliorare come posizione, ma non si inventa nulla, è uno lineare, tiene bene il campo, si allena per giocare certi tipi di partite, è forte mentalmente, dà equilibrio e tutti sanno che possono contare su di lui”.