Home Napoli News Napoli, il successo delle campagne social: da oggi workout a casa

Napoli, il successo delle campagne social: da oggi workout a casa

CONDIVIDI

Il Napoli si fa vedere attraverso i social, con campagne mirate per intrattenere il pubblico, con sfide divertenti e calciatori protagonisti

Insigne Napoli Juve
Insigne festeggia dopo Napoli-Juve (Getty Images)

E’ passato più di un mese dall’ultimo match del Napoli. E’ stata staccata la spina sul più bello. Più o meno, come quando la madre o il padre stacca il cavo della Playstation al proprio figlio. Fortunatamente, la partita è stata salvata in precedenza, nulla è perduto. Il Napoli è ancora lì, in attesa della riaccensione, carico come una molla. C’è solo paura che i giocatori non rispondano ai comandi, un problema non da poco. Allora, la società per rasserenare tutti i propri tifosi e per ricucire quel rapporto un po’ consumato, ha cominciato a postare sui canali ufficiali diversi video o challenge. La prima campagna social del Napoli è indirizzata proprio ai tifosi. Appena cominciata la quarantena, c’era bisogno di sdrammatizzare, ed è stato lanciato un flashmob (se vogliamo chiamarlo così) con #HaDaPassaANuttata!, nel quale i tifosi erano stati chiamati a cantare dai balconi il celebre coro “Un giorno all’improvviso”. La città esegue, e lo fa divinamente. Nei giorni successivi, vengono pubblicati video dei calciatori che si allenano dalle proprie abitazioni: Insigne, Demme, Llorente con sua maestà il Vesuvio da sfondo. La speranza di tutti è che presto si possano riunire a Castel Volturno. Niente di più sbagliato. La quarantena viene prolungata.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Napoli, Koulibaly in uscita? I possibili sostituti

Campagne social, il futuro dei giocatori del Napoli è nella ristorazione

Niente panico! Interviene il social manager degli azzurri. Ormai le prospettive di rientro ad una vita normale si sono allungate, e di parecchio. Dunque, il Napoli ha cominciato a pubblicare altre campagne social, da Ask Politano, per conoscere meglio il neo acquisto, alla Paella di Fabian Ruiz. Effettivamente i napoletani vanno presi per la gola, ed ecco che la video ricetta del tipico piatto spagnolo ha più di 250 mila visualizzazioni su Instagram. Allora Insigne risponde sul suo profilo con una classica pizza. Poi si cimenta anche Giovanni Di Lorenzo, pizzaiolo per un giorno: impasta e stende la pagnotta. Risultato discutibile, ma il ragazzo si è impegnato.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

La pizzeria Insigne è aperta…Qual è la vostra preferita?

Un post condiviso da Lorenzo Insigne (@lorinsigneofficial) in data:

Per intrattenere i tifosi parte anche un quiz, diretto e condotto da Salvatore Esposito, celebre attore della serie Gomorra. I tre concorrenti, Insigne, Luperto e Koulibaly si sfidano tramite una videochiamata ad una specie di rischiatutto sulle serie tv. Il capitano da spettacolo. Ma nel mondo Napoli, ci sono tanti ragazzi costretti a stare a casa e senza allenamenti. Dunque, maschi e femmine delle giovanili del Napoli si sfidano a colpi di palleggi alle Orange challenge e Lemon challenge.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> FIFA, si va verso l’allungamento dei contratti. Gravina timoroso per il futuro

Ssc Napoli Home Workout

campagna social napoli
Gennaro Gattuso (Getty Images)

Ora si passa all’ultima trovata. La società non vuole rischiare di vedere i tifosi fuori allenamento, è evidente. Sono stati pubblicati 6 video sul sito ufficiale in cui i membri dello staff di Gattuso spiegano come fare esercizi, in tre diversi livelli di difficoltà: Base, Intermedio e Avanzato. L’iniziativa Ssc Napoli Home Workout, fa intendere che dopo aver visto pizze e paella, bisogna muoversi dai propri divani. Tra l’altro, è quasi Pasqua, è giusto mantenersi in forma prima di casatielli e pastiere vari. Questa non sarà l’ultima campagna social. La comunicazione funziona, è divertente. I tifosi e gli interessati si divertono a vedere i propri beniamini sotto altre vesti. La società non è sparita, è lì pronta a lanciare qualche altra sfida per intrattenere il pubblico da casa, che purtroppo, deve abituarsi all’idea di sostenere i ragazzi dal divano di casa per il resto della stagione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, il VAR è la prima vittima? Le parole di Nicchi