Home Calciomercato Napoli Milik felice solo con la sua Polonia: futuro ancora in Serie A?

Milik felice solo con la sua Polonia: futuro ancora in Serie A?

CONDIVIDI

Corpo estraneo al Napoli, le uniche opportunità per Milik di vedere il campo sono le gare della Polonia. Per il futuro spunta un’altra pista.

milik dzeko trasferimento
Arkadiusz Milik (GettyImages)

Messaggi d’amore, ma solo per la sua nazione. Arkadiusz Milik ha indossato per la prima volta la fascia di capitano della Nazionale polacca e su tutti i social posa sorridente, felice per aver calcato nuovamente il campo. Un lusso che ormai può concedersi nella sosta per le Nazionali, visto che col Napoli questo privilegio gli è stato concesso per l’ultima volta 3 mesi fa, in quei 10 minuti finali contro il Barcellona. Una situazione paradossale: mentre molti altri riposano lui gioca, mentre molti altri giocano lui riposa. Un riposo forzato figlio di una vita da separato in casa, insostenibile ormai per entrambe le parti.

I problemi col Napoli sono noti, si pensava a un ostracismo fino alla prossima estate ma l’allenatore della Polonia è sembrato piuttosto certo che già a gennaio Milik cambierà maglia. Non sarà difficile riallacciare i contatti con le squadre che l’hanno cercato quest’estate. Forse non la Roma, a meno che non ceda Dzeko già quest’inverno. La Juve potrebbe tornare alla carica in caso di una – improbabile – cessione di Dybala mentre la Fiorentina è sempre lì, alla finestra, ma di certo dovrebbe liberarsi di almeno uno fra Vlahovic, Cutrone e Kouamé.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Rrahmani non gioca e svela il motivo: “E’ saltata la cessione di Koulibaly”

Milik vice di Lukaku? L’Inter ci sta pensando

La novità è l’Inter, ultima in ordine cronologico ad essersi interessata a lui. Conte cerca un vice Lukaku e Milik è il profilo perfetto, a basso costo e in grado di sostituire alla bisogna anche Lautaro Martinez. Un’idea che farebbe comodo sia al Napoli che all’Inter. Resta da capire se l’affare potrà concretizzarsi o se continuerà il muro contro muro.