Napoli, gli auguri speciali al Boca Juniors per i 116 anni: “Diego ci unisce”

0
30

Il Napoli ha omaggiato i 116 anni di storia del Boca Juniors con un post sui social: ecco che cosa accomuna la città campana con Buenos Aires.

napoli attaccanti storia del club
Diego Armando Maradona (GettyImages)

Oggi è una data speciale per i tifosi del Boca Juniors. Uno dei club più importanti dell’Argentina quest’oggi 3 aprile compie 116 anni dalla data della sua fondazione. La società nacque grazie ad alcuni immigrati italiani, per lo più provenienti da Genova. Nel corso degli anni, la squadra ha acquisito grandissima ammirazione per le sue imprese sportive e la sua ricca storia.

Il Boca Juniors, come il Napoli e pochi altri, può vantare di aver avuto in rosa uno dei più grandi calciatori della storia: Diego Armando Maradona. L’argentino era un grande tifoso dei gialloblu e degli azzurri e il profilo ufficiale del club partenopeo ha voluto onorare la grande storia del Boca ricordando proprio “D10S”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Museo Maradona, passi avanti: dove è previsto il monumento

Boca Juniors, 116 anni di storia: il Napoli fa gli auguri con Maradona

napoli boca juniors
Diego Armando Maradona con le maglie di Napoli e Boca Juniors (Gettyimages)

Diego Armando Maradona giocò alla Bombonera per la prima volta nella stagione 1981-82. Le sue gesta erano già note in Sud America, grazie ai numeri visti negli anni precedenti con la maglia dell’Argentinos Juniors. 40 partite e 28 gol in un solo anno, che valsero la grande opportunità di sbarcare in Europa. Diego fu prelevato dal Barcellona dove però fu fermato da un terribile infortunio, così si rilanciò al Napoli. Qui divenne Re. Dopo 7 anni in Italia, uno al Siviglia e una brevissima esperienza al Newell’s Old Boys, Maradona tornò nel suo Boca Juniors per terminare la sua carriera. 

Oggi il profilo ufficiale del Napoli in lingua spagnola ha voluto dare gli auguri al club argentino per il suo 116° compleanno. Tra Buenos Aires e Napoli, pur appartenendo a due mondi diversi, c’è qualcosa che le lega. Il mare, il calore del popolo, ma soprattutto…Diego.