“Victor Airlines”, Napoli (e non solo) pazza di Osimhen: un diamante grezzo

0
298

Impatto devastante di Osimhen in Europa: la sua doppietta evita il ko al Napoli e certifica le speranze riposte in un potenziale enorme.

Osimhen Leicester Napoli
L’esultanza di Osimhen in Leicester-Napoli (Getty Images)

Senza il suo fiuto del goal da bomber consumato, probabilmente il Napoli sarebbe uscito con le ossa rotte da Leicester e avrebbe iniziato il cammino in Europa League con uno ‘zero’ alla voce ‘punti’ in classifica: per fortuna di Spalletti, Victor Osimhen è un giocatore azzurro e sa benissimo come far male alle difese, compresa quella delle ‘Foxes’ che nel giro di diciotto minuti ha subìto tutto il repertorio tecnico del nigeriano.

Nella doppietta dell’ex Lille è condensato un bagaglio qualitativo fatto di intelligenza e opportunismo (in occasione della prima rete) e straordinaria forza fisica, esibita con lo stacco imperioso valso il 2-2 e una brutta figura anche per un difensore apprezzato come Söyüncü. E il Napoli, nel post-partita, lo celebra così.

E pensare che, fino a qualche giorno fa, Osimhen ha rischiato seriamente di non poter prendere parte alla trasferta inglese a causa delle restrizioni governative in tema di Covid-19: questo ‘incidente di percorso’ deve averlo caricato a molla e, complice anche il terreno fertile delle coppe europee e di un calcio più spregiudicato, ha messo in mostra doti di un diamante sempre più meno grezzo, a caccia della definitiva consacrazione che lo proietterebbe sull’Olimpo degli attaccanti più letali d’Europa. Uno step che il Napoli attende con ansia, ma senza la frenesia di chi vuole tutto e subito: d’altronde il tempo è dalla parte del 22enne Osimhen, che sembra aver imparato dagli errori commessi in passato.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Spalletti elogia le sue stesse mosse: perché ha ragione da vendere

Napoli ai piedi di Osimhen: un investimento sempre più fruttuoso

Osimhen Leicester-Napoli
Il secondo goal di Osimhen in Leicester-Napoli (Getty Images)

Un anno fa in molti storsero il naso alla notizia dell’acquisto da parte del Napoli di Osimhen, pagato la bellezza di 70 milioni complessivi al Lille: cifra enorme per chiunque, figurarsi per un giocatore giovane affacciatosi alla finestra del calcio europeo da pochissimo tempo. Perplessità alimentate anche dai tanti infortuni rimediati e, soprattutto, dall’ingenuità comportamentale che lo privò a Gattuso a causa della positività al Coronavirus: col tempo tutto ciò ha fatto spazio ai goal e a quella continuità che troppo spesso gli è mancata durante la sua avventura italiana, finalmente impreziosita da gemme come quelle di Leicester. Non solo belle, ma anche importanti e dal peso specifico non indifferente, quanto basta per far sì che altri club inizino ad accorgersi di lui e bussino alla porta del Napoli: rigorosamente blindata, tanto per rafforzare il concetto di un’incedibilità piuttosto scontata.