Napoli-Bologna, tocca allo storico vice: così è nata l’unione con Spalletti

0
468

Luciano Spalletti è stato fermato dal Giudice Sportivo per una giornata: in Napoli-Bologna toccherà allo storico vice allenatore.

Luciano Spalletti
Luciano Spalletti (GettyImages)

Dalla stagione 1997-98 fino ad oggi, Luciano Spalletti ha avuto lo stesso vice allenatore in tutte le sue esperienze lavorative. Dall’Empoli alla Russia, al ritorno alla Roma fino al club azzurro. E ora, a causa dell’espulsione rimediata dal tecnico al termine della gara dell’Olimpico, toccherà al suo storico assistente.

In Napoli-Bologna, Marco Domenichini – vice di Spalletti – sarà in panchina al Maradona per continuare la striscia di risultati positivi ed inseguire il sogno scudetto. Scopriamo qualcosa in più sull’allenatore in seconda dei partenopei.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli, Bologna ferito: scatta l’emergenza anche in attacco per Mihajlovic

Marco Domenichini, il vice di Spalletti

Marco Domenichini e Luciano Spalletti
Marco Domenichini e Luciano Spalletti (GettyImages)

Anche Domenichini, come Spalletti, ha avuto una carriera da calciatore, prima di diventare allenatore. Classe 1958, solo pochi giorni fa è stato il suo 63° compleanno, arriva da un mese difficile poiché qualche settimana fa ha perso la madre. Marco è originario di La Spezia, ha giocato per le giovanili della Fiorentina con cui ha conquistato due tornei di Viareggio, per poi girare tra Pescara, Empoli, Paganese e altre società minori, fino a cominciare negli anni ’90 la carriera da allenatore.

La sua collaborazione con Spalletti cominciò nel 1997-98 un po’ per caso, nato da uno spiacevole inconveniente: “Allenavo la Primavera dell’Empoli e non mi riconfermarono la panchina. Luciano allenava la prima squadra e mi chiese di fare il suo collaboratore – disse nel 2017 ai canali ufficiali della Roma – Per me è stata una grandissima e bellissima opportunità. Una cosa negativa si è trasformata in positiva“.

E così, dopo aver avuto alti e bassi ad inizio collaborazione tra Empoli, Sampdoria, Venezia e Ancona, sono arrivate le prime soddisfazioni con Udinese e Roma, fino al viaggio a San Pietroburgo e al ritorno in Serie A nuovamente con la Roma e poi l’Inter.