Anche il Napoli in corsa per Boga: ma c’è un ostacolo alla trattativa

0
849

Tra le tante pretendenti per Boga c’è anche il Napoli: tra l’attaccante ivoriano e il club azzurro c’è però uno scoglio da superare.

Boga Napoli Sassuolo
Boga e Felipe Anderson in Sassuolo-Lazio (LaPresse)

Che Jeremie Boga piaccia al Napoli non è affatto un mistero, soprattutto ora che gli spifferi su un possibile addio di Lorenzo Insigne a fine stagione si stanno intensificando: la fascia sinistra offensiva rimarrebbe orfana del suo interprete per eccellenza e obbligherebbe Giuntoli a riversare le forze (economiche su tutte) sul mercato per tesserare un valido sostituto. L’attaccante ivoriano è da tempo uno dei papabili per il dopo-Insigne, forse l’opzione più significativa e concreta in caso di separazione dal capitano: anche in passato i tentativi per portarlo in Campania non sono mancati, ma ora c’è un piccolo intoppo che rischia di favorire le agguerrite pretendenti.

Secondo quanto riportato da GOAL, il Napoli vorrebbe tentare l’assalto a Boga ma non nella sessione invernale del calciomercato, bensì in quella estiva, ad un anno esatto dalla scadenza del contratto col Sassuolo. Sembrano fare sul serio per l’immediato, invece, sia Atalanta che Shakhtar Donetsk: i nerazzurri, in particolare, avrebbero offerto 20 milioni più 2 di bonus, proposta rifiutata dai neroverdi che per il loro gioiello chiederebbero almeno 25 milioni. Orobici in vantaggio sugli ucraini di Roberto De Zerbi, che dal Sassuolo si è già portato il difensore Marlon al termine dello scorso campionato.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Mario Rui, forfait per Milan-Napoli? Chi può giocare al suo posto

Il Napoli (ri)pensa a Boga: stagione da rilanciare al più presto

Boga Napoli Sassuolo
Boga in azione con la maglia del Sassuolo (LaPresse)

Per Boga c’è la fila, nonostante la sua stagione fin qui non possa essere considerata all’altezza delle aspettative: l’ultima presenza nell’undici titolare del Sassuolo è datata 2 ottobre (sconfitta al ‘Mapei Stadium’ contro l’Inter), poi soltanto altri tre gettoni da subentrato con vari problemi fisici sullo sfondo. Ancora nessuna rete all’attivo per un giocatore che due stagioni fa seppe mettere a referto 11 goal, consacrandosi come uno dei migliori esterni d’attacco della Serie A.