Disavventura per Manolas: fermato dalla Guardia di Finanza a Capodichino

0
434

La Guardia di Finanza avrebbe comminato una multa a Kostas Manolas, in partenza per la Grecia dall’aeroporto di Capodichino.

Manolas Napoli
Disavventura per Manolas in aeroporto (LaPresse)

Tra problemi fisici e scelte tecniche, con la promozione di Rrahmani a partner di Koulibaly, lo spazio in campo per Kostas Manolas si è notevolmente ridotto: purtroppo per lui, le cose non sembrano andargli bene anche nel contesto extra-campo, con l’ultimo episodio che lo vede protagonista ad essere immediatamente catalogato alla voce ‘disavventure’.

Secondo quanto riportato dal ‘Corriere del Mezzogiorno’, Manolas sarebbe stato fermato dalla Guardia di Finanza all’aeroporto di Capodichino, dove si trovava per tornare in Grecia: il motivo sarebbe riconducibile al possedimento di un’ingente somma di denaro, probabilmente non compatibile con le norme che regolano il trasporto fisico di somme liquide. Al difensore greco, peraltro, sarebbe stata comminata una multa con tanto di verbale, come avviene in casi del genere.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Anche il Napoli in corsa per Boga: ma c’è un ostacolo alla trattativa

Manolas e il ritorno in Grecia: addio in vista?

Manolas Napoli
Kostas Manolas, difensore del Napoli (LaPresse)

Resta da capire la motivazione del viaggio di Manolas verso la sua patria che, sempre secondo quanto scritto dal ‘Corriere del Mezzogiorno’, sarebbe stato concordato da tempo con il Napoli, forse per sottoporsi ad alcuni controlli medici. A prescindere dalla natura del volo, però, l’esperienza dell’ex Roma all’ombra del Vesuvio pare essere giunta ai titoli di coda: le sirene elleniche – con l’interesse dell’Olympiacos sullo sfondo – non fanno che gettare più di qualche dubbio sul suo futuro, minato pesantemente anche in estate dall’offerta del club del Pireo, rispedita al mittente da Aurelio De Laurentiis. A gennaio potrebbe però cambiare tutto per Manolas, attratto dalla possibilità di tornare a giocare con la squadra che lo fece conoscere al grande calcio tra il 2012 e il 2014, prima del trasferimento nella Capitale con successiva consacrazione ad alti livelli.