Mertens, stesso destino di Insigne? De Laurentiis ha iniziato la rivoluzione

0
682

Dries Mertens pronto a dare l’addio come Lorenzo Insigne? Il rinnovo di Ciro è in bilico: De Laurentiis ha già cominciato la rivoluzione.

Dries Mertens
Dries Mertens (LaPresse)

Dries Mertens si prende il Napoli. Il gol alla Juventus lo rilancia nel ruolo da centravanti, almeno fin quando non sarà recuperato a pieno Victor Osimhen. Il belga aveva chiuso un 2021 da incubo. Panchinato contro il Milan, desaparecido contro lo Spezia e in generale appena 11 reti segnate nell’anno solare.

La sua situazione contrattuale è uguale a quella di Lorenzo Insigne: la scadenza del contratto è fissata al 30 giugno, dopodiché sarà libero di poter firmare con qualsiasi altra squadra. Ma Dries non vuole questo finale. Il numero 14 azzurro, nonché miglior marcatore della storia del club, ha chiesto esplicitamente il rinnovo ma tutto dipenderà dalla società e dal progetto. Il destino di Mertens sembra essere lo stesso del suo amico Lorenzo: De Laurentiis ha già cominciato la rivoluzione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Insigne al Toronto, Ferrara prende posizione: “Sapete cosa avrei fatto io?”

Mertens, rinnovo in alto mare: qual è il piano di De Laurentiis

Mertens, attaccante del Napoli
Mertens, attaccante del Napoli (LaPresse)

Difficile, molto difficile, che il gol di Mertens alla Juve sarà quello che rimescolerà le carte in tavola per il rinnovo del contratto. Il presidente del Napoli sta portando avanti una linea di pensiero ben precisa: abbassare il tetto ingaggi della rosa. Il primo vero malcapitato è stato Lorenzo Insigne, il quale avrebbe avuto una proposta di ingaggio ben più bassa di quella attuale.

“Ciro” guadagna circa 4,5 milioni a stagione, ma anche questa cifra secondo De Laurentiis dovrà essere ritoccata al ribasso, proprio com’è andata la trattativa del capitano. A queste condizioni, le parti sono davvero lontane. Mertens ama i colori della maglia del Napoli ed il suo desiderio di restare e giocare altre stagioni in azzurro potrebbe ben presto svanire nel nulla. Solo nelle prossime settimane si potrebbe arrivare ad una svolta. E il vero colpo di scena non sarà l’addio, ma proprio la firma su un nuovo contratto.