La Fiorentina di Vincenzo Italiano: una squadra sempre più grande

0
173

Gli ottavi di finale di Coppa Italia sono sempre più vicini. Il Napoli sarà impegnato fin da subito in un match che promette spettacolo, la Fiorentina di Vincenzo Italiano è un sorteggio tutt’altro che semplice.

Vincenzo Italiano, allenatore della Fiorentina
Vincenzo Italiano in trasferta contro il Bologna (LaPresse)

E’ sempre più vicino l’esordio del Napoli nella nuova edizione della Coppa Italia. Già dagli ottavi di finale gli azzurri saranno impegnati con un avversario di altissimo livello: la Fiorentina di Vincenzo Italiano è infatti attesa al Maradona. La Viola sta appassionando i tifosi italiani grazie al suo calcio ed alla potenza del suo numero 9, Dušan Vlahović, terminale offensivo e simbolo di una squadra che vuole continuare a crescere e stupire.

Leggi anche >>> Napoli-Fiorentina, le probabili formazioni

La Fiorentina di Vincenzo Italiano: una squadra sempre più grande

Vlahovic con la maglia della Fiorentina
Dusan Vlahovic, il letale numero 9 della Fiorentina (LaPresse)

L’ex allenatore dello Spezia ha rapidamente attirato le attenzioni di tutti gli appassionati di Serie A, grazie alle idee ed alla mentalità offensiva che riesce a trasmettere alle sue squadre. Anche alla Viola non si è fatto attendere: la squadra di Firenze, che lo scorso anno ha chiuso la stagione in tredicesima posizione e 40 punti in classifica, occupa stabilmente le zone alte del campionato, ed è ora al settimo posto con una partita da recuperare e 32 punti conquistati.

Un impatto istantaneo quello del tecnico di Karlsruhe, che fa del ritmo, delle sovrapposizioni dei terzini e della spinta sulle fasce le sue armi migliori. Isolare gli esterni nell’uno contro uno il più velocemente possibile e colpire con Vlahović: questa la prima idea della squadra quando in possesso del pallone. Non è un caso che il gruppo fatichi a far punti senza le sue reti: nell’ultima sconfitta per 4-0 contro il Torino, e nel pari con il Verona, il numero 9 non è riuscito ad esprimersi al meglio.

Non è possibile per gli attaccanti trovare sempre la via del goal: il bomber, 8 reti (e 2 assist) nelle sei partite precedenti alle due sopracitate, ha trascinato la sua squadra in una striscia di ben sei risultati utili consecutivi. La Fiorentina fatica a segnare senza di lui, sarà questo ad aver portato la società ad investire ulteriormente nel reparto offensivo, Ikoné e Piatek sperano infatti di potersi rilanciare grazie al sistema di gioco di Italiano.